Ape sociale e pensione per lavoratori precoci. Ancora pochi giorni per le domande

Ci sono interessanti novità per tutti coloro che hanno necessità di richiedere l’Ape sociale o la pensione precoce. Infatti, secondo la circolare dell’Inps c’è tempo fino al 13 aprile per completare le domande. Si tratta di una misura sperimentale intesa ad accompagnare verso l’età pensionabile alcuni lavoratori in determinate condizioni ed è soggetta a limiti di spesa.

Per le domande di riconoscimento delle condizioni per l’accesso al beneficio dell’APE sociale, per le quali resta ferma la data del 31 marzo 2018 come termine ultimo di presentazione delle stesse, è consentita l’integrazione della documentazione con il nuovo modello AP116, entro il 13 aprile 2018, senza modificare il  numero di protocollo, la data e l’ora di ricezione rilasciato al momento dell’invio. Ma vediamo nello specifico di cosa si tratta e come funziona. L’indennità Ape sociale spetta ai lavoratori iscritti all’Assicurazione generale obbligatoria dei lavoratori dipendenti, alle forme sostitutive ed esclusive della medesima, alle gestioni speciali dei lavoratori autonomi, nonché alla Gestione separata per persone: 1 Disoccupate: che hanno finito integralmente di percepire da tre mesi almeno la prestazione per la disoccupazione spettante.

2. Per i soggetti che al momento della richiesta e da almeno sei mesi assistono il coniuge, l’unito civilmente o un parente di primo grado convivente (genitore, figlio) con handicap grave. 3. Per invalidi civili con un grado di invalidità pari o superiore al 74%; 4. dipendenti che svolgono o abbiano svolto da almeno sei anni in via continuativa una o più delle attività lavorative. Tali attività lavorative si intendono svolte in via continuativa quando le medesime non abbiano subito interruzione nei sei anni precedenti il momento della decorrenza dell’APE sociale per un periodo complessivamente superiore a dodici mesi ed a condizione che le attività lavorative siano state svolte nel settimo anno precedente la predetta decorrenza, per una durata almeno pari all’interruzione predetta.

Ai fini dell’accesso ai benefici in esame, con particolare riguardo ai soggetti che hanno perfezionato i requisiti e le condizioni nel 2017 per i quali la decorrenza effettiva del trattamento è retrodatata al primo giorno del mese successivo alla maturazione di tutti i requisiti e le condizioni e, comunque, non anteriormente al 1° maggio 2017 – lo stato di invalidità almeno pari al 74% e l’esistenza in vita dell’assistito devono, invece, sussistere alla data di presentazione della domanda di accesso al beneficio.

Ape sociale e pensione per lavoratori precoci. Ancora pochi giorni per le domande

Le domande, sia di riconoscimento delle condizioni per l’accesso all’APE sociale, sia di accesso al beneficio, dovranno però essere comunque indirizzate alle sedi territoriali Inps di competenza e presentate in modalità telematica utilizzando i consueti canali istituzionali.

Fonte Inps, circolare n. 1481