Inps: il 22% lavoratori percepisce uno stipendio al di sotto dei 9 euro lʼora

Ancora disagi per quanto riguarda il mondo del lavoro. L’Inps parla di dati preoccupanti: Il 22% lavoratori percepisce uno stipendio al di sotto dei 9 euro lʼora, una situazione che mette in ginocchio gli italiani, sempre più poveri e sempre piàù precari.

Nello specifico, questa platea di lavoratori, percepisce una retribuzione oraria inferiore a 9 euro lordi, ovvero sotto la soglia individuata da uno dei disegni di legge sul salario minimo in discussione al Senato.

L’Inps ha anche ribadito che ben il 9% dei lavoratori è al di sotto degli 8 euro orari lordi, mentre il 40% prende meno di 10 euro lordi l’ora. I dati sono contenuti in una memoria depositata in Commissione Lavoro al Senato.

Italia, 3 milioni e mezzo non lavora e non cerca lavoro

L’Istituto di previdenza dice che nello specifico, fissando la soglia del salario minimo a 9 euro lordi l’ora ci sarebbero 2,9 milioni di lavoratori che avrebbero un incremento medio annuo di retribuzione di 1.073 euro. La stima è dell’Istat: sarebbe coinvolto il 21% dei lavoratori dipendenti con un aumento stimato del monte salari complessivo – l’aggravio cioè del costo del lavoro per le imprese – di 3,2 miliardi di euro. Tra il 2012 e il 2017, rileva sempre l’Inps, il numero dei lavoratori regolari nel settore è diminuito del 15% passando da 1,01 milioni a 864.526 unità.

L’Istat, invece ha evidenziato, che fissando la soglia del salario minimo a 9 euro lordi l’ora ci sarebbero 2,9 milioni di lavoratori che avrebbero un incremento medio annuo di retribuzione di 1.073 euro.

Loading...

Author: Serena Di Sisto

Share This Post On