Freud: ‘non siamo mai così indifesi di fronte alla sofferenza come nel momento in cui amiamo’

“Non siamo mai così indifesi di fronte alla sofferenza come nel momento in cui amiamo”… diceva il famoso psicanalista Sigmund Freud in fatto di relazioni.

Quando amiamo, infatti siamo esposti alla sofferenza, alla possibilità che in qualche modo il nostro cuore possa soffrire. Quando una persona si innamora, mette nelle mani dell’altro tutti i suoi sentimenti, le sue emozioni e le speranze. L’unico modo per amare e farsi amare è abbandonarsi al vortice di emozioni che giungono come una tempesta di meteoriti. Amare è facile ma la possibilità di essere feriti è grande.

Tuttavia, capire cos’è l’amore non è per nulla facile. Spesso le persone fraintendono questo sentimento con una breve infatuazione e questo a lungo andare procurerà sofferenza all’altra persona. Martin Luther King, diceva sempre che “Non ci può essere profonda delusione dove non c’è un amore profondo”. La sofferenza, in questo caso è una tappa essenziale per chi prova amore puro.

Per Frud, però l’amore è concepito in due fondamentali varianti: narcisismo o nostalgia struggente e inguaribile per l’oggetto perduto e sempre da ritrovare. Per Freud in definitiva, l’amore per l’altro non è che illusione: siamo noi stessi ad essere amati in lui, o per meglio dire la versione perfetta di noi perduta. E nell’altro cerchiamo il risanamento dell’antica ferita.

Ricordiamo che Sigismund Schlomo Freud, noto come Sigmund Freud, è stato, nel corso della sua vita un grande  neurologo, psicoanalista e filosofo austriaco, fondatore della psicoanalisi, sicuramente la più famosa tra le correnti teoriche e pratiche della psicologia.

Freud è noto per aver elaborato una teoria scientifica e filosofica, secondo la quale i processi psichici inconsci esercitano influssi determinanti sul pensiero, sul comportamento umano e sulle interazioni tra individui. Di formazione medica, tentò di stabilire correlazioni tra la visione dell’inconscio, rappresentazione simbolica di processi reali, e delle sue componenti con le strutture fisiche della mente e del corpo umano, teorie che hanno trovato parziale conferma anche nella moderna neurologia e psichiatria….Continua a leggere qui

Loading...

Author: Serena Di Sisto

Share This Post On