Attualità

Indennità di malattia per lavoratori dipendenti. Ecco come funziona

E’ in arrivo l’Indennità di malattia per lavoratori dipendenti, ma come funziona e chi può richiederla? L’indennità di malattia, ricordiamo che è riconosciuta ai lavoratori quando si verifica un evento morboso che ne determina l’incapacità temporanea al lavoro, inteso come mansione specifica.

LEGGI ANCHE: Bonus professionisti. Come ottenere tutte le agevolazioni

Come viene riportato anche sul portale dell’inps, il diritto all’indennità di malattia per i lavoratori dipendenti decorre per la generalità dei lavoratori, dal quarto giorno (i primi tre giorni sono di “carenza” e se previsto dal contratto di lavoro verranno indennizzati a totale carico dell’azienda) e cessa con la scadenza della prognosi (fine malattia). La malattia può essere attestata con uno o più certificati. Risulta anche indennizzabile, purché debitamente certificato, anche l’eventuale periodo di malattia che comporta ricovero in regime ordinario o in regime di day hospital.

L’indennità spetta a: – operai del settore industria; operai e impiegati del settore terziario e servizi; lavoratori dell’agricoltura; apprendisti; disoccupati; lavoratori sospesi dal lavoro; lavoratori dello spettacolo; lavoratori marittimi. Non spetta invece a (a titolo esemplificativo, ma non esaustivo) a: collaboratori familiari (COLF e badanti); impiegati dell’industria; quadri (industria e artigianato); dirigenti; portieri; lavoratori autonomi.

Ai disoccupati e ai sospesi, con rapporto di lavoro a tempo indeterminato, l’indennità spetta per tutti i giorni coperti da idonea certificazione e per massimo 180 giorni nell’anno solare, solo se la malattia inizia entro 60 giorni o 2 mesi dalla cessazione o dalla sospensione del rapporto di lavoro.Ai lavoratori marittimi e della pesca assicurati ex Ipsema (circolare INPS 23 dicembre 2013 n. 179), l’indennità per inabilità temporanea assoluta per malattia fondamentale spetta dal giorno successivo allo sbarco, per tutti i giorni di prognosi (compresa la domenica) e fino a massimo un anno.

In linea generale, l’indennità è corrisposta ai lavoratori dipendenti nella misura del 50% della retribuzione media giornaliera dal 4° al 20° giorno e del 66,66% dal 21° al 180° giorno. Ai dipendenti di pubblici esercizi e laboratori di pasticceria l’indennità spetta all’80% per tutto il periodo di malattia. Ai disoccupati e sospesi dal lavoro l’indennità è ridotta di due terzi rispetto alla percentuale prevista. Ai ricoverati senza familiari a carico l’indennità è ridotta ai 2/5 per tutto il periodo di degenza ospedaliera, escluso il giorno delle dimissioni per il quale viene applicata la misura intera secondo le percentuali sopra indicate.

autore

Post recenti

La società ci vuole a tutti i costi in coppia?

La società ci vuole a tutti i costi in coppia? Decidiamo di avere una relazione…

4 mesi ago

Per le donne forti è più difficile trovare l’amore?

Per le donne forti è più difficile trovare l'amore? Stereotipi a parte, perché alcune donne…

4 mesi ago

Perché spesso ci innamoriamo di chi non possiamo avere?

Perché spesso ci innamoriamo di chi non possiamo avere? Non esistono amori impossibili nella vita…

5 mesi ago

Uomini e donne sono fatti per stare insieme?

Uomini e donne sono fatti per stare insieme? Una delle domande più difficili a cui…

5 mesi ago

Partner evitante. Perché non dimostra il suo amore?

Partner evitante. Perché non dimostra il suo amore? Oggi parliamo della figura del partner evitante.…

5 mesi ago

L’importanza di essere un buon ex partner

L'importanza di essere un buon ex partner nella vita delle persone con cui si è…

5 mesi ago