"Vorrei una scuola che non mortificasse gli insegnanti"

“Gli stipendi per gli insegnanti italiani sono una mortificazione assoluta…

Insegnare è formare un ragazzo che affronta la vita. A questa professione, tanto bella quanto faticosa e delicata, va data una maggiore gratificazione.”

LEGGI ANCHE: Sospesa da scuola per la gonna troppo corta: ‘Mi hanno detto prostituta’

Lo dice l’attore e regista Carlo Verdone, che a giorni compirà 65 anni. Noto uomo di spettacolo, Verdone è figlio di insegnanti ed è a sua volta laureato in Lettere moderne. Non avesse avuto successo nel cinema, avrebbe anche lui inseguito una cattedra. Sul suo rapporto con la scuola – tra ricordi e suggestioni cinematografiche – lo ha intervistato il sito web educationduepuntozero.

LEGGI ANCHE: Papa Francesco: I Genitori non rimproverino gli insegnanti ma i figli !

"Vorrei una scuola che non mortificasse gli insegnanti"Carlo Verdone non risparmia critiche al sistema politico italiano, che considera la scuola come elemento secondario del sistema pubblico.

Vorrei una scuola che non mortificasse gli insegnanti, che garantisse edifici più efficienti e sicuri. Se le aule sono fatiscenti gli alunni le renderanno ancora più disastrate. Quindi aule organizzate e maggior cura per il resto porterà l’alunno ad avere più rispetto per i luoghi di apprendimento. E, poi, dei seminari su alcuni temi scottanti: i danni del fumo, delle varie droghe e, non per ultimo, un approccio serio allo studio dell’educazione civica. Il senso civico del cittadino che cresce, oggi è assolutamente un’urgenza.”