Viaggiare nello spazio e nel tempo potrebbe diventare concepibile dopo la scoperta delle onde gravitazionali… Dopo la strabiliante scoperta ha riferito Salvatore Capozziello -dell’università Federico II di Napoli, ricercatore dell’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (Infn) e presidente delle Società Italiana di Relatività Generale e Fisica della Gravitazione (Sigrav)- che si sta aprendo un nuovo mondo per la ricerca scientifica.

LEGGI ANCHE: Venere e Giove in congiunzione il 30 giugno

“Diventa possibile costruire una nuova mappa del cielo: finora avevamo solo quella basata sulla luce visibile, o sui raggi X, o sull’infrarosso, e adesso si può costruire la mappa basata sulle onde gravitazionali”…

“Le onde gravitazionali che adesso siamo in grado di intercettare sono direttamente connesse con la struttura degli oggetti che le emettono, vale a dire, posso desumere da un’onda gravitazionale le caratteristiche dell’oggetto”…

LEGGI ANCHE: Nasa, scoperto Kepler-186f, il pianeta gemello della Terra

“Sui buchi neri l’esperto spiega che sono così densi che non emettono luce e che qualsiasi cosa cada al loro interno non può più uscire. Viaggiare al loro interno, ha spiegato, potrebbe deformare l’ordine in cui siamo abituati a vivere passato, presente e futuro. “Tutto questo è pura fisica teorica, ma se un domani si riuscisse a vedere un wormhole, significherebbe aver trovato il modo di viaggiare non solo nello spazio, ma nel tempo”.

LEGGI ANCHE: La Nasa conferma: c’è vita nell’universo. “Entro 20 anni incontreremo gli alieni”