Seleziona una pagina

Un tempo sarebbe stato facile amarmi…Oggi parliamo di sentimenti e di cuori infranti, quelli che fanno fatica a fidarsi di nuovo, quelli che hanno amato troppo e ora pagano lo scotto della sofferenza.

Per parlare della fine delle relazioni e di come ricominciare, è bene citare uno dei passaggi più sentiti attribuiti allo scrittore Gabriel Garcia Marquez.

‘Nulla a questo mondo è più difficile dell’amore’…Parole sante quelle dello scrittore Gabriel García Márquez, che evidenziano la difficoltà dei rapporti umani. E’ davvero ostico, soprattutto oggi, nell’era del tutto e subito, gestie i rapporti umani e le relazioni amorose.

Stare insieme non è mai un percorso facile da affrontare e questo lo scrittore argentino lo sapeva bene. Nel suo celebre romanzo “L’amore ai tempi del colera”, l’autore riassume tutta la sofferenza e la forza di reagire grazie all’amore. Una storia tormentata, un amore impossibile, traccia il difficile percorso che il cuore dell’uomo percorre.

L’amore quando arriva va accolto ma è difficile farlo se la vita ha posto ostacoli e storie sbagliate. Guarire da una relazione andata male non è semplice e a soffrire non è solo la mente ma anche il corpo. In questi versi, a lui attribuiti, si riassume tutta la sofferenza e la paura nel ricominciare, nell’affidare il cuore ad un’altra persona, sperando che questa non lo maltratti.

Il testo:

“Un tempo sarebbe stato facile amarmiEro dolce.Credevo nelle promesse, nelle parole.Giustificavo tutto, anche il male che sentivo e non ammettevo.Mi prendevo la colpa, anche se non la capivo.Pur di non perdere chi amavo, sopportavo ogni mancanza, anche quando mancavo io e non sapevo più ritrovarmi.Abbracciavo senza chiedere nulla in cambio.Ero indifesa.Da proteggere.Da distruggere.Oggi è difficile amarmi, restarmi accanto.Rispettare i miei spazi, comprendere i miei silenzi, la mia indipendenza, il mio bisogno di vivere e di costruire usando solo le mie forze.Io che del mio equilibrio cercato, sofferto e trovato ne faccio un vanto da gridare al presente ogni giorno.Io che credo nell’Amore molto più di ieri.Amore che non ha nulla a che fare con le briciole, con l’arroganza, con l’assenza, con l’infedeltà.Oggi è difficile amare la donna che sono diventata.Dopo i sogni sfumati, le ali spezzate, le labbra spaccate.Sicura delle mani da stringere che vorrei e degli occhi che non vorrò più incrociare.È difficile.Forse è impossibile.Sicuramente è raro incontrare un’anima che ci ami oltre noi stessi, dove fingiamo di essere forti mentre imploriamo gli abbracci di chi possa amarci sapendoci fragili e imperfetti.Io dell’amore non so molto, forse.Non posso insegnarlo.Ma so che ha a che fare con il rispetto.E con le scelte che non s’impongono, ma si costruiscono.Insieme.Quando si diventa l’unica scelta e mai un’opzione tra tante.Alla persona che sono stata devo tanto, soprattutto scuse.Alla persona a che sono, un promemoria: ricordati delle tue ali, ricordati di te.”- G. G. Marquéz

Si guarisce del tutto dopo la fine di una relazione?

Il dolore è avvenuto e non si può far nulla per tornare indietro. Quando il cuore subisce una ferita a causa della fine di una storia, guarisce ma i segni restano. La mente elabora ed è capace di rigenerare, tuttavia, col tempo nonostante il ricordo sia lontano, resterà sempre un rimasuglio

G. G. Marquéz e l’amore:

Con il suo modo schietto di scrivere, l’autore sapeva esprimersi in maniera limpida e con impatto. Gabriel diceva in fatto di amore che essere amati è la cosa più importante al mondo. Solo l’amore ci rende unici. “Forse per il mondo sei solo una persona, ma per una persona sei tutto il mondo”.

Tuttavia, spesso l’amore è una potente arma, che può anche rivoltarci contro.  Capita, che a volte, le relazioni diventino nocive per le persone e gli amori malati vengono visti come una droga, come qualcosa capace di annientare l’uomo, qualcosa di cui, nonostante tutto, non riesce a fare a meno.

Solo l’amore ci rende protagonisti a pieno nella vita di una persona. Essere indispensabili e unici per l’altro è l’unica cosa che conta e che rende piena e ricca l’atra. Chi trova un amore vero non conoscerà mai la povertà dicevano gli antichi. Un detto oggi più che mai veritiero.


Gabriel José de la Concordia García Márquez,
 

L’autore è nato il 6 marzo del 1927 a Città del Messico ed è morto il 17 aprile 2014. E’ stato uno scrittore, giornalista e saggista colombiano naturalizzato messicano, insignito del Premio Nobel per la letteratura nel 1982. Tra i maggiori scrittori in lingua spagnola, García Márquez è considerato uno dei più emblematici esponenti del cosiddetto realismo magico, la cui opera ha fortemente contribuito a rilanciare l’interesse per la letteratura latinoamericana…Continua a leggere e clicca qui