Tutti i genitori hanno un figlio preferito anche se non lo ammettono

Il figlio prediletto esiste e anche se tutti i genitori non lo ammetterebbero mai davanti ai propri figli. A dimostrarlo sono stati anche un gruppo di ricercatori che hanno effettuato una serie di esperimenti per arrivare alla triste ma vera conclusione.

La ricerca in questione, cominciata nel 1989 e pubblicata successivamente nel 2005 nel Journal of Family Psychology – che ha interessato circa 384 famiglie con due figli nati nel giro di 4 anni l’uno dall’altro -ha rivelato che il 70%  dei padri e il ben 74% delle madri ama e manifesta sentimenti diversi nei confronti di uno dei figli.

La psicologa americana Ellen Weber Libby nel suo ultimo libroThe favorite Child, il figlio prediletto, riporta proprio questa teoria e dice che: “Il favoritismo esiste, ma non deve più essere un tabù o una vergogna: va affrontato, per migliorare i rapporti familiari”. Nessuno lo confesserebbe mai, ma è ormai chiaro che ben l’80% dei genitori ha un figlio preferito. La ricerca ha preso in esame per lo specifico oltre 400 madri, di cui è stato monitorato il comportamento in famiglia per un periodo di 7 anni. Secondo i dati, per quanto riguarda la madre, in caso di figli maschio e femmina, tenderà a legarsi maggiormente alla bambina. Le motivazioni non sono poi così sorprendenti perché il legame tra le donne della famiglia sarebbe incrementato dagli interessi comuni, abitudini e modi di fare.

Inoltre, la mamma è fondamentale per la formazione e lo sviluppo delle figlie femmine, che hanno bisogno di vedere e seguire un modello affinché passano costruire la propria personalità. Lo stesso vale al contrario per i padri e i figli maschi. Invece, nelle famiglie con due figli maschi o due figlie femmine, nella maggior parte dei casi, sia il papà che la mamma sembrano preferire il primogenito poiché il primo figlio è sicuramente quello che risveglia il loro istinto protettivo, quello a cui riservano una cura estrema e un’attenzione continua.

Tutti i genitori hanno un figlio preferito anche se non lo ammettono

Inoltre i secondogeniti avranno sempre una qualche forma di gelosia nei confronti dei primi nati, poichè si tratta dei primi figli, quelli che hanno ricevuto per primi attenzioni, esperienze ed emozioni. “E’ impossibile – ha detto Barbara Howard, psicologa della John Hopkins University alla stampa – che un genitore non abbia preferenze, considerando che è uno dei motivi principali della rivalità fra fratelli.  Infatti credevamo che fossero i bambini più grandi ad essere colpiti da un favoritismo riservato ai piccoli di casa, proprio a causa del loro essere più grandi e più forti, quindi meno bisognosi di protezione e rassicurazioni ma tuttavia non è stato così.

Author: SDS

Share This Post On