Trova 21 milioni di lire in una scatola. Valgono ancora qualcosa?

Trova 21 mln e 700mila lire nascosti tra gli oggetti personali della madre. Ormai però non è più possibile fare il cambio in euro

Anghiari. Agitalia racconta questa simpatica storia (forse il protagonista non sarà stato altrettanto divertito dalla vicenda).

Dopo il ritrovamento l’uono si è rivolto all’associazione per la giustizia in Italia…ha ritrovato ben 21 milioni e settecento mila lire in una scatola appartenuta alla madre.

Secondo Agitalia non ci sono dubbi: Se è vero che è stato stabilito un termine decennale è altrettanto vero, come sostiene ampiamente la Giurisprudenza, che qualsiasi termine di prescrizione o decadenza decorre da quando il soggetto è posto in grado di far valere il proprio diritto, quindi nel caso in esame i dieci anni per il cambio dalle lire agli euro decorrono dal giorno del ritrovamento delle somme in lire.

A questo proposito, qualche mese fa il giudice Guido Vannicelli, del Tribunale di Milano, in un caso praticamente identico ha sollevato l’illegittimità costituzionale del cosiddetto decreto Monti che aveva sancito l’immediata decadenza del cambio della lira in euro. Questo esproprio forzoso del Governo Monti contro i cittadini, le parole non sono nostre ma direttamente del magistrato e si possono leggere nel provvedimento, sembra destinato dunque a finire.

lireL’ufficio legale dell’associazione è al lavoro al fine di ottenere il cambio delle lire in euro tramite l’istituto della mediazione bancaria, in considerazione del fatto che Bankitalia al cambio dalle lire agli euro non vuole più procedere.

Loading...

Author: notizie

Share This Post On