Consigliati

Si può essere responsabili dell’infedeltà del partner?

Si può essere responsabili dell’infedeltà del partner? Quando avviene un tradimento la persona che lo subisce, in qualche modo, ha avuto un ruolo scatenante?

In questo contento ci possono essere colpe da entrambi i lati di una coppia o addirittura da parte di chi lo subisce?

Quando avviene un tradimento si verifica una vera e propria crepa all’interno di un rapporto. Una rottura che può scaturire anche da eventi passati o da atteggiamenti di entrambi o di uno dei due partner.

Il tradimento, spesso si verifica a seguito di crisi e di allontanamenti di coppia, tuttavia, può anche verificarsi in situazioni in cui i due vivono momenti di apparente armonia

Ma perché si tradisce?

Questa è una domanda a cui abbiamo provato più volte a dare risposte. Il tradimento ha una causa soggettiva e spesso, all’interno di una unione, vi sono dinamiche che, a lungo andare, possono portare uno dei due ad avvicinarsi ad altre persone e a coltivare rapporti extraconiugali.

Il tradimento però si può verificare anche in situazioni di armonia:

Spesso, colui che tradisce lo fa per errore, per un impeto improvviso o semplicemente perché sente il bisogno irrefrenabile di trasgredire. Spesso, le persone tendono ad essere insicure e ad aver voglia di riscoprirsi.

Quando si è in coppia, spesso si ci mette in secondo piano per cercare di soddisfare le esigenze del partner. A lungo andare per questo potrebbe ripercuotersi sul proprio io e sul senso di auto considerazione. Ma quando questo evento può considerarsi causato da eventi interni alla coppia?

Gli esperti si dividono e tendono ad analizzare ogni singolo caso per evitare di generalizzare, poiché ogni rapporto ha le sue dinamiche e le sue regole.

La colpa di chi subisce:

Di solito si dice sempre che quando avviene un tradimento la colpa va suddivisa all’interno della coppia. Spesso, le cause scatenanti l’evento possono riguardare i due o uno dei due.

L’essere poco presente, i litigi, il sentirsi trascurati o il sentirsi semplicemente poco amati, porterebbero il fedifrago a sentirsi quasi legittimato a commettere l’atto del tradire.

Spesso chi subisce tende a screditare l’altro e provare una sorta di odio e a dare tutte le colpe al fedifrago. Odio per ciò a cui è venuto meno, odio per via del torto subito e odio per aver creduto a qualcosa che in realtà non è. Chi subisce un tradimento subisce un vero e proprio tradimento non solo fisico ma anche emotivo.

Tuttavia, nonostante sia lecito capire le sue emozioni, a volte è importante riflettere sui motivi che avrebbero potuto portare il partner incline al tradimento a tradire.

Il tradito non per forza è colpevole ma è tenuto, secondo gli psicologi di coppia, ad analizzare la sua relazione e a cercare di capire le dinamiche e le motivazioni di tale gesto.

Tradire, però, non è mai la soluzione migliore ma quando accade, bisogna prenderne atto e assumersi tutte le conseguenze. Spesso, uomini e donne tendono a tradire anche per noia, per mancanza di passione o per debolezza emotiva. Il tradimento è qualcosa che in qualche modo distrugge una coppia e solo quelle più forti e determinate riusciranno ad emergere da questo tunnel.

Cause scatenanti l’infedeltà:

Scarsa comunicazione:

La cattiva comunicazione porta ad una cattiva gestione dei rapporti a due. L’assenza di comunicazione porta la coppia ad avere maggiori occasioni di conflitto e di tensioni.

Avviare una buona tecnica comunicativa aiuta i due partner ad avere una relazione armoniosa. Chi comunica, secondo gli esperti, avrà minore possibilità di avere crisi e di tradire il partner.

Attività esterne alla coppia:

E’ giusto e legittimo che in coppia i due partner mantengano i propri hobby e le proprie attività, tuttavia è bene averne anche alcune insieme.

Avere troppo tempo libero distaccati, per gli esperti sarebbe un male. Chi passa molto tempo libero fuori dalla coppia, potrebbe infatti avere maggiore probabilità di incontrare gente nuova e sarebbe incentivato a commettere adulterio.

Il perdono: Possibile o impossibile?

A seguito di un tradimento è bene, secondo gli psicologi chiedere un aiuto esterno e cercare di analizzare le cause che hanno portato ad un punto di rottura.

Si può ricostruire un rapporto in crisi? La tecnica del Kintsugi

In questa fase è bene analizzare l’altro e analizzarsi. In questa fase si può capire osa è stato fatto e cosa si poteva fare, cosa si può recriminare e cosa no. Chi tradisce commette a priori un atto per nulla lodevole e giustificabile, tuttavia è bene cercare di guardare criticamente e con un occhio distaccato, nonostante sia difficile, la cosa.

Salvare un rapporto dopo un tradimento secondo gli esperti non è impossibile ma c’è bisogno di un lungo cammino che riporti l’armonia nei due e in chi ha subito questo evento. La fiducia è qualcosa che si perde e riconquistare la fiducia di una persona tradita non è per nulla facile.

Serena Di Sisto

Condividi
Scritto da
Serena Di Sisto

Post recenti

La differenza fra un narcisista e un borderline in amore

La differenza fra un narcisista e un borderline in amore c'è e attraverso uno sguardo…

2 giorni ago

‘Il pazzo, l’amante e il poeta non sono composti che di fantasia’. E’ così?

'Il pazzo, l’amante e il poeta non sono composti che di fantasia', diceva William Shakespeare…

3 giorni ago

Saper ascoltare è la chiave per la salvezza di ogni rapporto?

Saper ascoltare è la chiave per la salvezza di ogni rapporto? Quando parliamo di relazioni…

5 giorni ago

Relazioni amorose. Si può non soffrire?

Relazioni amorose. Si può non soffrire? Esiste una situazione in cui non si soffre per…

1 settimana ago

Noi scegliamo il partner in base a ciò che cerchiamo al nostro interno

Noi scegliamo il partner in base a ciò che cerchiamo al nostro interno. Lo psicologo…

1 settimana ago

Strategia efficace per fargli sentire la tua mancanza

Non vuoi perdere la persona amata ma ci sono dei problemi? Esiste, secondo gli esperti,…

2 settimane ago