Costume/Tempo libero

Riscaldamento, il decalogo per risparmiare in casa

Riscaldamento, il decalogo per risparmiare in casa. L’inverno è ormai alle porte e co i primi freddi è possibile cominciare ad accendere anche il riscaldamento in casa.

Ma come fare per risparmiare sulla bolletta senza evitare di rimanere al freddo?

Risparmiare sul riscaldamento è un bisogno che assume la massima priorità nell’economia di una famiglia non appena il termometro comincia la sua discesa.

Per fortuna esistono dei trucchi efficaci e delle semplici strategie per alleggerire la bolletta, permettendovi di risparmiare sul riscaldamento senza patire il freddo e perché no, rimanendo anche in perfetta salute. Sicuramente la manutenzione della caldaia è fondamentale prima di tutto per la sicurezza e poi per evitare sanzioni, ma tenete sempre conto che se non fate la manutenzione obbligatoria e la multa tarda ad arrivare, finirete comunque per consumare di più e quindi alla lunga buttare via comunque i soldi.

Per aiutare i consumatori a scaldare al meglio le proprie abitazioni, evitando sprechi e brutte sorprese in bolletta (o sanzioni per non aver effettuato le revisioni di legge), l’Enea propone un vademecum con 10 regole pratiche per un riscaldamento efficiente che unisca il comfort al risparmio in bolletta. 1 – Effettuare la manutenzione degli impianti. È la regola numero uno, sia per motivi di sicurezza sia per evitare sanzioni: un impianto ben regolato consuma e inquina meno. Chi non effettua la manutenzione del proprio impianto rischia una multa a partire da 500 euro.

2 – Controllare la temperatura degli ambienti. Scaldare troppo la casa fa male alla salute e alle tasche: la normativa consente una temperatura fino a 22 gradi, ma 19 gradi sono più che sufficienti a garantire il comfort necessario. Inoltre, per ogni grado abbassato si risparmia dal 5 al 10% sui consumi di combustibile.

LEGGI ANCHE: Riscaldamento, valvole obbligatorie dal mese di dicembre

3 – Attenti alle ore di accensione. Il tempo massimo di accensione giornaliero è indicato per legge e cambia a seconda delle 6 zone climatiche in cui è suddivisa l’Italia. Per i comuni in fascia ‘E’, ad esempio, è consentito fino a un massimo di 14 ore.
4 – Installare pannelli riflettenti tra muro e termosifone. È un ‘trucco’ semplice, ma molto efficace per ridurre le dispersioni di calore.

5 – Schermare le finestre durante la notte. Chiudendo persiane e tapparelle o mettendo tende pesanti si riducono le dispersioni di calore verso l’esterno.

6 – Fare il check-up alla propria casa. L’isolamento termico su pareti e finestre dell’edificio è un aspetto da non trascurare: se la costruzione è stata completata prima del 2008, probabilmente non rispetta le attuali normative sul contenimento dei consumi energetici e conviene valutare un intervento per isolare le pareti e sostituire le finestre.

Con i nuovi modelli che disperdono meno calore il beneficio può essere doppio: si riducono i consumi di energia fino al 20% e si può usufruire degli ecobonus, la detrazione fiscale del 65%.

7 – Impianti di riscaldamento innovativi. Se l’impianto ha più di 15 anni, conviene valutarne la sostituzione ad esempio con le nuove caldaie a condensazione o a biomasse, le pompe di calore, o con impianti integrati dove la caldaia è alimentata con acqua preriscaldata da un impianto solare termico e/o da una pompa di calore alimentata con un impianto fotovoltaico.

Per l’installazione si può usufruire della detrazione fiscale del 65% in caso di intervento complessivo di riqualificazione energetica o del 50% per una semplice ristrutturazione edilizia.

8 – Evitare ostacoli davanti e sopra i termosifoni. Collocare tende o mobili davanti ai termosifoni o usare i radiatori come asciuga biancheria disperde calore ed è fonte di sprechi.

Inoltre attenzione a non lasciare troppo a lungo le finestre aperte: per rinnovare l’aria in una stanza bastano pochi minuti e si evitano inutili dispersioni di calore.

9 – Installare i cronotermostati. Un aiuto al risparmio arriva dai moderni dispositivi elettronici che consentono di regolare temperatura e tempo di accensione in modo da mantenere l’impianto in funzione solo quando si è in casa.

10 – Applicare valvole termostatiche. Queste apparecchiature servono a regolare il flusso dell’acqua calda nei termosifoni, consentendo di mantenere costante la temperatura impostata e concentrare il calore negli ambienti più frequentati. Inoltre, permettono di evitare sprechi abbattendo i costi in bolletta fino al 20%.

Fonte Enia

Serena

Condividi
Scritto da
Serena

Post recenti

Coppia complementare e simmetrica. Quale funziona?

Coppia complementare e simmetrica. Quale funziona? Negli ultimi tempi, gli studi psicologici si sono diretti…

5 giorni ago

La relazione finisce nel momento in cui si è d’accordo su tutto

La relazione finisce nel momento in cui si è d'accordo su tutto? E' già, sembrerebbe…

1 settimana ago

Il vero amore è capace di sopportare tutto?

Il vero amore è capace di superare e sopportare qualunque cosa? Questa è una domanda…

1 settimana ago

Infedeltà. Solo una coppia su 4 è monogama, ecco i motivi

Infedeltà. Solo una coppia su 4 è monogama, la scienza lo conferma. L’argomento infedeltà non…

1 settimana ago

L’amore è una cosa semplice?

L'amore è una cosa semplice? Questa è una delle domande più strane che ci poniamo.…

2 mesi ago

Relazione tossica. I motivi per cui è difficile chiuderla

Relazione tossica. I motivi per cui è difficile chiuderla sono tanti e non è per…

2 mesi ago