Reddito di Cittadinanza. Da oggi è attivo il sito, ecco dove cliccare

Reddito di Cittadinanza. Oggi finalmente calerà il sipario su tutte le cose che non sapevamo e finalente sarà anche attivo il sito dove poter fare la domanda. Vediamo dove cliccare:

Lo aveva annunciato una settimana fa il ministro per il lavoro Luigi Di Maio e oggi si può dire che ha ufficialmente mantenuto la promessa: E’ attivo il sito dove poter fare domanda per accedere al reddito di cittadinanza, la misura pensata per andare in aiuto di tutte quelle persone con un reddito minimo o nullo e senza lavoro. Il sito è attivo e dal prossimo 4 marzo partirà ufficialmente il progetto di inclusione e reinserimento al lavoro.

Il nuovo sito dove andare a fare domanda è il seguente. www.redditodicittadinanza.gov.it e per il primo mese fornirà solo informazioni. Oltre al sito verrà attivata anche la tanto attesa Social Card. La nuova carta, infatti, verrà distribuita da Poste Italiane. La procedura prevederà la presentazione della domanda per avere la possibilità di accedere al reddito e la verifica dei requisiti da parte dell’Inps, che invierà una mail o un sms ai richiedenti per certificare l’accoglimento.

Reddito di Cittadinanza. Da oggi è attivo il sito, ecco dove cliccare

Secondo le analisi, spetterebbero circa 780 euro mensili alle persone con determinati requisiti di reddito e di patrimonio. Soldi che, arriveranno per una durata di tempo limitata, cercando di reinserire nel mondo del lavoro il beneficiario. Si tratta di uno strumento di assistenzialismo e come dichiarato da Di Maio: “l’intenzione non è quella di dare soldi alle persone per “stare sul divano” ma di dare soldi per aiutare la gente nel momento del bisogno cercando di reinserirla nel mondo del lavoro”.

Ricordiamo che l’ultimo paese europeo ad aver adottato il reddito minimo è stata l’Ungheria nel 2009. Questo strumento fondamentale per la vita di tutte quelle persone che perdono il lavoro e non hanno più diritto all’indennità di disoccupazione, è ormai da tempo adottato dalla maggior parte degli stati europei.Ecco come funziona e a quanto ammonta.

Loading...

Author: Serena Di Sisto

Share This Post On