Pubblicità ingannevole, 1 milione di multa ai produttori di patatine

L’Antitrust multa le aziende leader nel settore delle patatine in busta, San Carlo, Amica Chips, Pata e Ica Foods…

L’Unione nazionale consumatori, l’Antitrust ha multato di oltre un 1mln di euro le 4 più importanti aziende del settore alimentare produttrici di patatine fritte in busta: rispettivamente, sono stati irrogati 350.000 euro al gruppo “San Carlo”; 300.000 ad “Amica chips”; 250.000 a “Pata” e 150.000 a “Ica Foods”.

Le quattro aziende sono state sanzionate per messaggi pubblicitari ingannevoli e informazioni scorrette. Attraverso diciture e immagini suggestive, ha spiegato l’Antitrust in una nota, venivano attribuiti a taluni prodotti specifiche caratteristiche nutrizionali o salutistiche non corrette oppure si fornivano informazioni, in merito alla composizione e agli ingredienti o alle modalità di trasformazione o cottura, attribuendo ai prodotti anche “vanti di artigianalità” nonostante la loro natura industriale.

Pubblicità ingannevole, 1 mlndi multa ai produttori di patatineSecondo l’Antitrust, tre aziende hanno adottato “vanti di artigianalità” che non corrispondevano alle caratteristiche reali dei seguenti prodotti: “Eldorada patate cotte a mano” e “Alfredo’s” di Amica Chips; la linea “La patatina artigianale” e le “Da Vinci chips” di Pata; e “Le contadine – fatte a mano” di Ica Foods. Tre aziende – ovvero Linea “Autentica trattoria all’olio di oliva” di San Carlo; “Eldorada la tradizionale con olio d’oliva” di Amica Chips; “Da Vinci chips: con olio extra vergine d’oliva” – hanno conferito poi una particolare enfasi grafica alla presenza di olio d’oliva nelle rispettive confezioni, omettendo di evidenziare l’effettiva percentuale impiegata, che risultava più bassa rispetto a quello di altri oli vegetali.

Due aziende, inoltre, “hanno presentato in maniera ambigua e omissiva – a giudizio dell’Antitrust – le caratteristiche reali e distintive di alcuni prodotti (“Rustica – le ricette di Cracco” di San Carlo e le diverse varianti di “La patatina” di Amica Chips), ingenerando così nei consumatori l’erronea convinzione che queste confezioni fossero nettamente diverse dal prodotto base o dalla variante aromatizzata”. Infine, Ica Foods ha accreditato al prodotto “Crik Crok & Blue” proprietà salutistiche “ancora controverse nella comunità scientifica e comunque non autorizzate dalla Commissione europea”.