Pensioni. Tutto quello che bisogna sapere su Quota 100

Ci sono continue novità per quanto riguarda le pensione dopo l’insediamento del nuovo Governo Conte. Con l’arrivo del 2019, infatti, ci sarà anche una rivalutazione degli assegni pensionistici. Il governo ha garantito che per Quota 100 non ci saranno penalizzazioni, tuttavia qualcosa da tener ben presente c’è…

Per prima cosa spieghiamo nel dettaglio di cosa si tratta: La Quota 100 non è altro che una revisione parziale della Riforma delle Pensioni introdotta nel 2011 dalla legge Fornero. Si tratta della possibilità di una uscita anticipata dal lavoro per tutti coloro che avranno raggiunto l’anzianità lavorativa, che sommata all’età anagrafica, risulti quindi 100. Si ipotizza una soglia minima di età pensionabile di 64 anni.

Quindi, con la quota 100, chi avrà raggiunto un numero minimo di 38 anni di contributi lavorativi potrà richiedere l’uscita lavorativa anche 62 anni rispetto ai 67 anni previsti per la vecchiaia legge Fornero. Si tratta di una possibilità che dovrebbe interessare, secondo le prime stime effettuate, circa 400mila lavoratori senior.

pensionati

Tuttavia, questa situazione non piace proprio a tutti i molti si stanno iniziando a preoccupare, a partire dal presidente dell’Inps, Tito Boeri. Secondo i suoi calcoli, andando in pensione con la Quota 100 si potrebbe però prendere una pensione di circa il 21% più bassa di quella che si sarebbe maturata continuando a lavorare per altri 5 anni per poi accedere alla pensione di vecchiaia a 67 anni di età.

Si tratta di un calcolo fatto che sta mettendo in agitazione anche la dottoressa Fornero, che in recenti interviste ha espresso il suo dissenso in merito alle nuove misure che il Governo Giallo Verde intende attuare. Per esempio, secondo alcune simulazioni riportate dal giornale LaRepubblica.it , un lavoratore che deciderà di andare in pensione a 62 anni con 38 di contributi, invece di prendere 1778 euro al mese, ne prenderà 1solo .442. Questo almeno è quanto emerge dal calcolo approssimativo emerso dalle ultime indagini. Insomma, conviene oppure no?

Author: SDS

Share This Post On