Pensioni. Arriva il part-time agevolato, donne escluse

Si parla tanto di pensioni in questo periodo e dei cambi che verranno fatti con l’arrivo del nuovo Governo giallo verde. Ma di cosa si tratta e cosa è la pensione quota 100?

Iniziamo con il chiarire che la pensione quota 100, o somma di età anagrafica e anni di contributi, è prevista dal programma del Governo Conte, così come la nuova possibilità di ritirarsi con 41 anni di contributi. Durante una recente intervista il ministro Salvini ha detto ala stampa riguardo alla Legge Fornero: “la smonteremo pezzo per pezzo, introducendo da subito la quota 100: 41 anni di anzianità contributiva credo siano sufficienti”. Insomma, l’idea del Governo è intervenire sulla previdenza, “smontando la Fornero”, introducendo “subito” la quota 100.

Quindi la quota 100 potrà vedere la luce prima del prossimo autunno. Bisognerà però considerare varie incognite, oltre tempi tecnici e il fatto che la riforma del sistema previdenziale ha bisogno di un lungo lavoro preparatorio.

Ma come cambieranno gli assegni con la quota 100? Per prima cosa bisogna considerare che, per esempio, chi andrà in pensione adesso e percepisce 1.289 euro con quota 100 percepirà un pò meno circa 1.089 euro.

Invece, per quanto riguarda la fascia di età dei trentenni, con le attuali regole avrà diritto a percepire un assegno di 1.305 euro, 1.205 nel caso delle donne, invece con la quota 100 sia maschi che femmine, percepiranno assegno da 1.112 euro. Per un quarantenne invece con quota 100 l’uscita dal lavoro sarà in anticipo di tre anni e sette mesi: la pensione però scenderebbe da 1.308 a 1.255 euro.

Buone notizie per quanto riguarda i cinquantenni, poiché l’uscita dal lavoro potrebbe arrivare due anni e nove mesi prima del previsto con la quota 100. Tuttavia, anche per loro è previsto una riduzione dell’assegno, che va da un inizio di 1.469 euro a 1.349 euro con quota 100.

Pensioni. Arriva il part-time agevolato, donne escluse

Infine per i sessantenni, l’anticipo arriverebbe di un anno e undici mesi con un assegno che passerebbe da 1.627 euro a 1.577 euro. Insomma, queste sono previsioni e al momento è tutto incerto.