Paul Éluard: ‘T’amo per tutte le donne che non ho conosciuto’

In questo periodo dedicato all’amore e ai sentimenti da leggere assolutamente alcune righe di una poesia dell’autore, Paul Éluard, versi che vi scalderanno il cuore e l’anima. Éluard disse: “T’amo per tutte le donne che non ho conosciuto T’amo per tutte le stagioni che non ho vissuto”…

Una dichiarazione d’amore questa che dovrebbe far riflettere, soprattutto i più indecisi, a pensare se l’amore che stanno provando è paragonabile a tali pensieri. Solo chi ama davvero non ha più vedute all’infuri della persona amata e solo chi mama intensamente non sa vivere senza il suo amore.

“T’amo per tutte le donne che non ho conosciuto T’amo per tutte le stagioni che non ho vissuto. Per la neve che si scioglie per i primi fiori Per gli animali puri che l’uomo non spaventa T’amo per amare T’amo per tutte le donne che non amo Sei tu stessa a riflettermi io mi vedo così poco Senza di te non vedo che un deserto Tra il passato e il presente Ci sono state tutte queste morti superate senza far rumore Non ho potuto rompere il muro del mio specchio Ho dovuto imparare parola per parola la vita Come si dimentica T’amo per la tua saggezza che non è la mia Per la salute T’amo contro tutto quello che ci illude Per questo cuore immortale che io non posseggo Tu credi di essere il dubbio e non sei che ragione Tu sei il sole forte che mi inebria Quando sono sicuro di me”.

Alcune curiosità sull’autore:

Paul Éluard, nato a Saint-Denis il 14 dicembre 1895 e deceduto a Charenton-le-Pont il 18 novembre 1952, nel caso della sua vita è stato un poeta francese, tra i maggiori esponenti del movimento surrealista.

Paul Grindel, che adotterà il nome d’arte Éluard nel 1916 riprendendolo dalla nonna materna, nasce da Clément-Eugene Grindel, un contabile socialista, e da Jeanne-Marie Cousin, una sarta per signora. Frequenta le scuole a Saint-Denis, Aulnay-sous-Bois e nel 1908 a Parigi dove nel frattempo la famiglia si è trasferita. Prosegue gli studi a Parigi fino al 1912, quando a causa di un attacco di emottisi deve entrare nel sanatorio di Clavades a Davos in Svizzera dove rimarrà per quattordici mesi…Per saperne di più continuate a leggere qui

Author: Serena Di Sisto

Share This Post On