Il celebre artista e scrittore Pierpaolo Pasolini è stato un grande personaggio. Oggi si ricorda la data della sua morte ma noi volgiamo ricordare non il perchè è morto e come è morto ma cosa ha fatto e scritto di bello e cosa ha fatto sognare tutti noi. In amore come nella vita Pasolini diceva che: “Chi non ha pretese non ha neanche dispiaceri”.

Le aspettative spesso feriscono e tradiscono. Chi ha grandi aspettative, inevitabilmente sarà portato a soffrire, in tutte le fasi della vita ma in particolar modo nell’amore e nella carriera. Bisognerebbe non caricarsi mai di attese e speranze e vivere la vita così com’è. Non bisognerebbe mai aspettarsi nulla da nessuno e questo per non rimanere delusi. In amore, spesso quando una storia finisce, si soffre proprio a causa di aspettative elevate che poi non sono corrisposte alla realtà.


E TU NON SEI ANCORA ABBONATO AD AMAZON PRIME?

PROVALO. CLICCA QUI E INIZIA A BENEFICIARE DEL SERVIZIO AMAZON PRIME. VIDEO, LIBRI MUSICA, VELOCITÀ’ E TANTO ALTRO. ISCRIVITI E’ GRATIS


leggiamo alcune frasi dell’autore per imparare a conoscerlo meglio:

“L’uomo tende a addormentarsi nella propria normalità, si dimentica di riflettersi, perde l’abitudine di giudicarsi, non sa più chiedersi chi è. È allora che va creato artificialmente, lo stato di emergenza: a crearlo ci pensano i poeti. I poeti, questi eterni indignati, questi campioni della rabbia intellettuale, della furia filosofica”…

Ecco oggi una lettura consigliata per amare questo autore.

CLICCA QUI E INIZIA A LEGGERE

Ognuno di noi è fisicamente la figura di un acquirente, e le nostre inquietudini sono le inquietudini di questa figura“…

Il poeta e scrittore italiano Pier Paolo Pasolini è nato a Bologna il 5 marzo 1922 ed è morto a Roma il 2 novembre 1975. Pasolini, nel corso della sua memorabile carriera è stato un poeta, scrittore, regista, sceneggiatore, drammaturgo e giornalista italiano. Pasolini, grazie ai suoi capolavori è considerato tra i maggiori artisti e intellettuali del XX secolo.

“La Famiglia è tornata a diventare quel potente e insostituibile centro infinitesimale di tutto che era prima. Perché? Perché la civiltà dei consumi ha bisogno della famiglia”…

Attento osservatore dei cambiamenti della società italiana dal secondo dopoguerra sino alla metà degli anni settanta nonché figura a tratti controversa, suscitò spesso forti polemiche e accesi dibattiti e per i forti giudizi…Per saperne di più continua a leggere qui