Pasolini: ‘Bisogna essere molto forti per amare la solitudine’

Lo scrittore Pier Paolo Pasolini diceva: “Bisogna essere molto forti per amare la solitudine”. La solitudine fa parte dell’uomo, tuttavia l’uomo è un animale sociale e come tale ha bisogno di socializzare.

Stare in solitudine è molto difficile, più di quello che si possa pensare e spesso l’uomo, per apprezzare a pieno la vita e gli altri, ha bisogno di isolarsi dal mondo circostante.

Il concetto di solitudine è molto variegato. Stare soli a volte è fondamentale per conoscere se stessi e per amare gli altri. Secondo alcuni, lo stare bene soli è il primo concetto base per stare bene in compagnia. Solo l’amore di un solitario saprà darti il giusto peso.

Lo scrittore Luigi Pirandello diceva: “«Perché guardi così?» E nessuno pensa che tutti dovremmo guardare sempre così, ciascuno con gli occhi pieni dell’orrore della propria solitudine senza scampo”…

La solitudine, presenta spesso variegate sfaccettature. C’è la solitudine forzata, o quella imposta. La solitudine di una persona dopo aver sofferto. La solitudine ritrovata, quella guadagnata, sperata. C’è poi la solitudine di relazione, solitudine imposta dalla fine di un amore che ancora fa sanguinare il suore. Insomma, tale concetto andrebbe affrontato e analizzato ulteriormente certo è che da essa si possono imparare molte cose, anche su se stessi, cose che si possono ascoltare solo spegnendo i contatti con il mondo esterno, almeno per un pò.

Pasolini 'Bisogna essere molto forti per amare la solitudine'

Nota sull’autore.

Ognuno di noi è fisicamente la figura di un acquirente, e le nostre inquietudini sono le inquietudini di questa figura“…

Il poeta e scrittore italiano Pier Paolo Pasolini è nato a Bologna il 5 marzo 1922 ed è morto a Roma il 2 novembre 1975. Pasolini, nel corso della sua memorabile carriera è stato un poeta, scrittore, regista, sceneggiatore, drammaturgo e giornalista italiano. Pasolini, grazie ai suoi capolavori è considerato tra i maggiori artisti e intellettuali del XX secolo.

Attento osservatore dei cambiamenti della società italiana dal secondo dopoguerra sino alla metà degli anni settanta nonché figura a tratti controversa, suscitò spesso forti polemiche e accesi dibattiti e per i forti giudizi…Per saperne di più continua a leggere qui

Loading...

Author: Serena Di Sisto

Share This Post On