Eugenio Montale diceva che “Molti affetti sono abitudini o doveri che non troviamo il coraggio di interrompere”. Con questa frase, oggi volgiamo ricordare l’anniversario di morte del celebre autore, che si spense il 12 settembre del 1981 a Milano.

Questo pensiero però, ci invita anche a riflettere anche sulla complessità delle relazioni e dei rapporti di coppia. C’è molta attualità nel ragionamento dello scrittore, che rimarca come, molte coppie, pur sapendo che è finita, evitano il distacco per mancanza di coraggio o, peggio ancora, per abitudine. Sono infatti, tantissime le relazioni finite che non si arrestano per via dell’abitudine o per la paura di restare soli.

Ovidio, invece, in uno dei poeti romani più importanti della letteratura latina ,disse che noi uomini: ‘Siamo sempre lenti a smettere d’amare perché speriamo di essere amati’.

SE ANCORA NON CONOSCI TUTTE LE SUE POESIE O I SUOI TESTI CLICCA QUI E SCARICA UNO DEI LIBRI DI EUGENIO MONTALE

CLICCA QUI E INIZIA A LEGGERE

Ci sono dei momenti in cui bisogna dire basta e chiudere, soprattutto quelle relazioni insane e considerate tossiche. Ci sono dei momenti in cui bisogna farsi coraggio e dire addio alla persona che non fa stare più bene e che rende infelici. Lasciare andare l’altro è un gesto di rispetto verso se stessi.

Allontanare dalla vita una persona che toglie il sorriso e la gioia di vivere, è fondamentale per ritrovare la pace interiore. Chi ama non fa stare male, ma soprattutto, chi vuole bene all’altro fa di tutto per vederlo sorridere. L’autore, pertanto inviata a fare attenzione e a riflettere sulle questioni importanti da salvaguardare.

“Io sono come un vino che sta invecchiando. Il vino invecchiando dicono che migliori, ma non tutti i vini migliorano, alcuni inacidiscono.” E. Montale

Ma chi era Eugenio Montale:

Eugenio Montale, nato a Genova, 12 ottobre 1896  e morto a Milano, 12 settembre 1981, nel corso della sua vita è stato un poeta, traduttore, scrittore, filosofo, giornalista, critico letterario, critico musicale e politico italiano. La sua formazione è dunque quella tipica dell’autodidatta, che scopre interessi e vocazione attraverso un percorso libero da condizionamenti…Per saperne di più clicca qui e leggi