Attualità

Il miglior amico dell’uomo? Il gatto!

Il miglior amico dell’uomo è il gatto…
Uno studio dell’associazione inglese Pet Food Manufacturers smentisce lo stereotipo del felino come animale femminile. «In Inghilterra aumentano ma li hanno scelti i maschi»

È il gatto il miglior amico dell’uomo, almeno questo emerge da un’indagine che arriva dal Regno Unito. Il numero dei gatti oltre Manica nell’ultimo anno è aumentato di 500 mila unità, portando il totale dei ‘felini da casa’ a quota 8 milioni. Aumento, come ha precisato l’associazione dei Pet Food Manufacturers che ha svolto un sondaggio su un campione di 8mila famiglie, che è stato chiaramente guidato dalla popolazione maschile del Paese.

La popolazione di felini domestici in Italia è stimata in 7 milioni e mezzo di esemplari. A certificare il superamento dei gatti sui cani come animali da compagnia (6 milioni e 900 mila) — non essendoci per il gatto l’obbligo di microchip e registrazione all’Anagrafe veterinaria — è Assalco (l’associazione imprese per alimentazione e cura animali da compagnia). «È un aumento al quale assistiamo da qualche tempo. E va di pari passo con la variazione dell’assetto familiare — dice Carla Bernasconi, vicepresidente dell’Ordine nazionale dei veterinari —. La maggioranza dei pet nelle città sono felini. Facilmente il single sceglie il gatto, anche perché è apparentemente più facile da gestire».

I gatti domestici vengono sempre considerati come animali domestici, ma molto ‘indipendenti’ capaci di guadagnarsi l’ammirazione dei loro padroni grazie alla loro eleganza e grazie ad una sorta di aurea di mistero e di indomabilità. Sono dunque sempre di più gli studi scientifici che ne sottolineano  il potere antistress, mettendo dunque in discussione lo stereotipo che vede il cane come miglio amico dell’uomo. Sarebbe più intelligente del gatto. Secondo Saho Takagi, psicologo dell’Università di Kyoto, i gatti domestici sarebbero bravissimi quanto i cani (se non di più) in alcuni test di memoria, «correlata alla funzione introspettiva della mente». E sono destinati a crollare luoghi comuni come quelli che «lo vogliono egoista, affezionato alla casa ma non alla persona», aggiunge la comportamentalista Laura Borromeo che avverte: «È errata, eppure ancora radicata, l’idea che i gatti siano più “facili” da gestire. Vanno intrattenuti e fatti giocare almeno quattro volte al giorno. Dobbiamo dedicare loro tempo, sono esseri viventi e senzienti. Tenere un gatto è un impegno».

Le razze di Gatto che non avete mai visto (Foto)

Redazione Italia Notizie

Condividi
Scritto da
Redazione Italia Notizie

Post recenti

E’ possibile mantenere l’amicizia con un ex?

E' possibile mantenere l'amicizia con un ex? Non stiamo parlando del rapporto di semplice comunicazione…

1 giorno ago

Se vuoi costruire relazioni sane smetti di fare questi errori

Se vuoi costruire relazioni sane smetti di fare questi errori, errori che potrebbero compromettere anche…

4 giorni ago

Un tempo sarebbe stato facile amarmi

Un tempo sarebbe stato facile amarmi...Oggi parliamo di sentimenti e di cuori infranti, quelli che…

7 giorni ago

Se mi innamoro di un amico. Cosa fare?

Se mi innamoro di un amico/a. Cosa fare? Questa è la tipica domanda che le…

1 settimana ago

La paura di restare soli crea rapporti infelici?

La paura di restare soli crea rapporti infelici? Cosa sta accadendo alle società di oggi…

1 settimana ago

Quando si litiga in coppia. Di chi è la colpa?

Quando si litiga in coppia, di chi è la colpa? Può sembrare una domanda banale,…

2 settimane ago