‘l’età è la somma delle nostre azioni’ di Charles Bukowski

‘l’età è la somma delle nostre azioni’ diceva lo scrittore maledetto di Charles Bukowski. Charles diceva anche che la vita è fatta di scelte e questa poesia ce lo ricorda a pieno.

La prima parte ci dice che per fare la cosa giusta non bisognerebbe mai giudicare gli altri, specialmente quando sbagliano. Andiamo a leggerla tutta per comprenderla a pieno:

“Ci viene sempre chiesto di comprendere l’altrui punto di vista, non importa quanto sia antiquato stupido o disgustoso. Uno dovrebbe guardare agli errori degli altri e alle loro vite sprecate con gentilezza, specialmente se si tratta di anziani. Ma l’età è la somma delle nostre azioni. Sono invecchiati malamente perché hanno vissuto senza mettere mai a fuoco, hanno rifiutato di vedere. Non è colpa loro? Di chi è la colpa? Mia? A me si chiede di mascherare il mio punto di vista agli altri per paura della loro paura. L’età non è un crimine ma l’infamia di un’esistenza deliberatamente sprecata in mezzo a tante esistenze deliberatamente sprecate lo è. Lo stile di vita dissoluto, l’alcol, le corse dei cavalli, lo squallore delle vite marginali, l’ipocrisia del ‘sogno americano’ sono i temi sui quali prendono via le sue opere”.

Ma chi era veramente Charles Bukowski? E perché le sue opere nonostante siano così forti e vere siano tanto amate, nonostante il dubbio linguaggio utilizzato?

Bukowski 'Amo i solitari, i diversi, quelli che non incontri mai'...

Lo stile di vita dissoluto, l’alcol, le corse dei cavalli, lo squallore delle vite marginali, l’ipocrisia del ‘sogno americano’ sono i temi sui quali prendono via le sue opere. Il poeta e scrittore maledetto Charles Bukowski non ha mai amato la folla, non ha mai amato le persone che seguivano schemi ben precisi e non ha mai amato quelli che volevano circondarsi a tutti i costi di chiunque.

Charles Bukowski, il celebre scrittore statunitense, ricordiamo è nato Heinrich Karl Bukowski il 16 agosto 1920 ed è morto a Los Angeles, il 9 marzo 1994. Nel corso della sua lunga e tormentata carriera, intervallata da donne e vita dissoluta, Bukowski ha scritto sei romanzi, centinaia di racconti e migliaia di poesie, per un totale di oltre sessanta libri.

Il contenuto di questi scritti, tutt’ora di grande successo, trattano della sua vita, caratterizzata da un rapporto morboso con l’alcol, appunto, da frequenti esperienze carnali e da rapporti tempestosi con le persone.

Charles Bukowski, pur utilizzando un linguaggio sporco e a tratti disdicevole, ha saputo anche esprimere i suoi sentimenti verso le donne, che ha amato scrivendo anche poesie dal grande valore emozionale. Ricordiamo che Bukowski fu anche sposato in passato. Dichiarò amore eterno per la prima volta nel 1675 alla poetessa Barbara Frye, da cui divorziò nel 1959.

Author: Serena Di Sisto

Share This Post On