Khalil Gibran: ‘Amatevi, ma non tramutate l’amore in un legame’

Lo scrittore Khalil Gibran scrisse molte frasi sull’amore e sulle relazioni, ma in particolar modo, sul matrimonio aveva una sua opinione molto severa: ‘Il matrimonio può essere la morte o la vita, non ci sono vie di mezzo’…

Disse: “Amatevi, ma non tramutate l’amore in un legame. Lasciate piuttosto che sia un mare in movimento tra le sponde opposte delle vostre anime. Colmate a vicenda le vostre coppe, ma non bevete da una stessa coppa. Scambiatevi il pane, ma non mangiate da un solo pane. Cantate e danzate insieme e insieme siate felici, ma fate in modo che ognuno di voi sia anche solo, come sono sole le corde di un liuto, sebbene vibrino alla stessa musica. Mettetevi fianco a fianco, ma non troppo vicini. Perché la quercia non si rialza all’ombra del cipresso”.

Nelle riflessioni dell’autore ci sono momenti di emozione e di straordinaria profondità. A volte sono i dettagli, le cose che più facilmente sfuggono. Guardare i dettagli per capire la sincerità dell’animo è  fondamentale per capire l’amore dell’altro. Parlare di amore è complesso e l’autore, forse con questa frase sulle unioni di coppia voleva in qualche modo esagerare e mettere a nudo tutto quello che un matrimonio può comportare nella vita di un uomo.

“L’Amore ci passa accanto, rivestito di soavità; ma noi fuggiamo via impauriti, o andiamo a nasconderci nelle tenebre; o, ancora, l’inseguiamo per far del male in suo nome. Anche il più saggio tra noi si piega sotto il formidabile peso d’Amore; eppure esso è, in verità, leggero come la brezza lieve del Libano”…

Khalil Gibran, nacque a Bsharre il 6 gennaio del 1883 e morì a  New York, il 10 aprile 1931. Kahil  è stato un poeta, pittore e aforista libanese naturalizzato statunitense. Libanese di religione cristiano-maronita emigrò negli Stati Uniti;  La sua poesia venne tradotta in oltre 20 lingue, e divenne un mito per i giovani che considerarono le sue opere come breviari mistici. Gibran ha cercato di unire nelle sue opere la civiltà occidentale e quella orientale…Per saperne di più continua a leggere qui

Loading...

Author: Serena Di Sisto

Share This Post On