Attualità

Istat. In Italia quasi una persona su tre è a rischio povertà

E’ davvero triste l’analisi dell’Istat riguardo al rischio di povertà in Italia. Dai dati emerge che circa una persona sue tre ha gravi problemi economici o è a rischio esclusione.

L’Istituto di statistica evidenzia inoltre un peggioramento rispetto al 2015: la percentuale è passata infatti dal 28,7% al 30%. Aumentano quindi sia l’incidenza di individui a rischio di povertà (20,6%, dal 19,9%) sia la quota di quanti vivono in famiglie gravemente deprivate (12,1% da 11,5%), così come quella delle persone che vivono in famiglie a bassa intensità lavorativa (12,8%, da 11,7%).

Nel 2016 in Italia l’Istat stima in oltre 18 milioni le persone a rischio povertà o esclusione sociale. Questa la traduzione in numeri assoluti di una percentuale pari al 30%. Metà delle famiglie residenti in Italia percepisce un reddito netto non superiore a 24.522 euro l’anno (circa 2.016 euro al mese: +1,4% rispetto al 2014). Il reddito mediano cresce nel Mezzogiorno in misura quasi doppia rispetto a quella registrata a livello nazionale (+2,8% rispetto al 2014), rimanendo però su un volume molto inferiore (20.557 euro, circa 1.713 mensili).

L’aliquota media del prelievo fiscale a livello familiare è 19,4%, in lieve calo rispetto al 2014 (-0,25 punti percentuali). Si riduce il carico fiscale sulle prime due classi di reddito (0-15.000, 15.000-25.000 euro) delle famiglie con principale percettore un lavoratore dipendente, per gli effetti della detrazione Irpef di 80 euro.

Il Mezzogiorno resta l’area territoriale più esposta al rischio di povertà o esclusione sociale (46,9%, in lieve crescita dal 46,4% del 2015). Il rischio è minore, sebbene in aumento, nel Nord-ovest (21,0% da 18,5%) e nel Nord-est (17,1% da 15,9%). Nel Centro un quarto della popolazione (25,1%) permane in tale condizione. Aumentano sia l’incidenza di individui a rischio di povertà (20,6%, dal 19,9%) sia la quota di quanti vivono in famiglie gravemente deprivate (12,1% da 11,5%), così come quella delle persone che vivono in famiglie a bassa intensità lavorativa (12,8%, da 11,7%).

Le famiglie con cinque o più componenti si confermano le più esposte al rischio di povertà o esclusione sociale (43,7% come nel 2015), ma è per quelle con uno o due componenti che questo indicatore peggiora (per le prime sale al 34,9% dal 31,6%, per le seconde al 25,2% dal 22,4%). Questi dunque i dati dell’istituto di statistica che dovrebbero far riflettere tutti.

Anche se il mese scorso è stato riscontrato un calo del numero dei disoccupati e un notevole aumento dei contratti di lavoro rispetto allo scorso anno la situazione comunque resta critica in Italia, causa questa di una crisi economica e occupazionale che non accenna a diminuire e nonostante gli sforzi, le persone fanno ancora fatica ad andare avanti e ad uscire dalla condizione di povertà assoluta. Anche la Caritas non molto tempo fa aveva pubblicato gli ultimi dati sulla popolazione.

Serena Di Sisto

Condividi
Scritto da
Serena Di Sisto

Post recenti

Anche dalla relazione peggiore si può imparare qualcosa?

Anche dalla relazione peggiore si può imparare qualcosa? Cosa accade alla mente quando si elabora…

2 giorni ago

Le differenze fra uomo e donna narcisista in coppia

Le differenze fra uomo e donna narcisista in coppia esistono ed è essenziale distinguerle per…

5 giorni ago

Le tecniche che un narcisista usa in coppia per screditare l’altro

Le tecniche che un narcisista usa in coppia per screditare l'altro sono difficili da individuare…

7 giorni ago

Nessuna relazione è una perdita di tempo. Come mai?

Nessuna relazione è una perdita di tempo. Se non ti ha portato quello che vuoi,…

1 settimana ago

Non inseguire chi sa dove trovarti. Ecco perché

Non inseguire chi sa dove trovarti. Bisogna superare la paura della solitudine altrimenti si rischia…

2 settimane ago

Se un narcisista vuole lasciarti userà le seguenti tecniche. Ecco quali

Se un narcisista vuole lasciarti userà le seguenti tecniche. Ecco quali sono e come evitare…

2 settimane ago