Consigliati

‘Il nemico dell’amore è la critica rivolta all’altro’

‘Il nemico dell’amore è la critica rivolta all’altro. Se qualcuno ti critica è perché non ti ama. Bisogna accettare l’altro così com’è“.

Con questa frase lo scrittore Alejandro Jodorowsky ci invita a riflettere sulle relazioni amorose e sulla complessità dei rapporti umani. Per l’autore, chi critica non ama. Per amare bisogna infatti imparare a non criticare l’altro e ad accettarlo così come è .

Spesso, la maggior parte dei rapporti terminano a causa di incomprensioni e di litigi, spesso volti a criticare l’altro. Cercare di cambiare una persona non è mai una buona scelta, poiché l’altro è diverso da noi, è altro da noi e come tale bisogna concepirlo per i suoi lati, anche quelli meno amorevoli.

Gli esperti affermano anche che oggi è davvero ostico restare insieme, soprattutto per via dello stile di vita e delle opportunità che la vita offre. La coppia, superata la fase dell’innamoramento,  spesso, ha bisogno di trovare un proprio equilibrio e una stabilità affettiva che perduri nel tempo.

Non è facile unire due caratteri, due modi di vivere e pensare diversamente. La matrice che lega due persone per sempre è l’affetto e l’amore, se mancano questi ingredienti, sarà difficile creare un rapporto stabile. A seguito della creazione di un legame stabile, però non deve mancare il rispetto reciproco dell’altro e delle sue idee, cercare di plasmare una persona non è mai un bene.

Esperti di coppia e psicoterapeuti sono concordi nell’affermare che oggi, una coppia che funziona, è quella he sta bene e che vive in armonia si rispetta e si ama.

All’interno di una coppia armonica c’è prima di tutto alla base l’ascolto, il rispetto e la voglia di fare felice l’altro. Una coppia che funziona ha abitudini sane, fa tutto insieme, non si separa mai o quasi mai, preferirebbe l’altro alla compagnia di chiunque altro.

Alejandro Jodorowsky Prullansky nato il 17 febbraio del 1929 a Tocopilla, è uno scrittore, fumettista, drammaturgo, saggista e regista teatrale.

Dopo il successo de La montagna sacra, Jodorowsky cercò di iniziare un ambizioso progetto per portare sul grande schermo il famoso romanzo di fantascienza Dune di  di Frank Herbert. Il film, girato in 70 mm, sarebbe dovuto durare tre ore e cercò di coinvolgere tutti i più grandi artisti di quegli anni: le musiche sarebbero dovute essere dei Pink Floyd. Per saperne di più clicca qui e leggi

notizie

Condividi
Scritto da
notizie

Post recenti

“Se decidi di innamorarti di me” di Sabita Esposto

https://youtu.be/vXjd9KoYdak Se decidi di innamorarti di me, prendi i miei lati oscuri e riempili di…

2 mesi ago

Tienimi per mano, la meravigliosa poesia di Hermann Hesse

https://youtu.be/5brKx9m1E6Q Tienimi per mano di Hermann Hesse sulla bellezza di amare. Hermann Hesse (Calw, 2…

2 mesi ago

“Se tu mi dimentichi” letta da Paolo Rossini

"Se tu mi dimentichi" di Pablo Neruda, letta da Paolo Rossini Poesia di Pablo Neruda,…

3 mesi ago

Giacomo Leopardi, Canto notturno di un pastore errante dell’Asia

Non bastano le parole: incanto, meraviglia, sublime poesia, recitazione incredibile. Potremo più godere di simili…

3 mesi ago

La società ci vuole a tutti i costi in coppia?

La società ci vuole a tutti i costi in coppia? Decidiamo di avere una relazione…

7 mesi ago

Per le donne forti è più difficile trovare l’amore?

Per le donne forti è più difficile trovare l'amore? Stereotipi a parte, perché alcune donne…

8 mesi ago