Genitori smemorati o ritardatari. Multe per chi dimentica i bimbi all’asilo

Ascoltate genitori smemorati e ritardatari! Attenti, sono in arrivo multe salatissime per voi! Chi non arriva puntuale a prendere i figli all’uscita dovrà pagare dai 10 ai 40 euro di contravvenzione. L’iniziativa di un Comune veneto fa discutere. Sanzioni anche a chi consegna i piccoli in anticipo sull’orario.

LEGGI ANCHE: L’asilo dei sogni è in Italia. Creato solo con legno e vetro

Genitori smemorati o ritardatari. Multe per chi dimentica i bimbi all'asilo

E così, dopo numerosi casi, l’asilo nido di san Vendemiano, paese di diecimila abitanti in provincia di Treviso, ha deciso di mettere multe salatissime a chi arriva a prendere in ritardo i figli. Secondo la normativa, verrà multato anche chi porterà in anticipo i bambini all’asilo. La nuova norma nasce soprattutto come deterrente dei ritardatari cronici che con il loro comportamento costringono le maestre a restare per accudire i piccoli anche fuori dall’orario di lavoro, praticamente a gratis. Le nuove sanzioni prevedono una multa di dieci euro entro i 29 minuti di ritardo. Salirà a 20 euro dopo la mezz’ora. Insomma, mamma e papà, abbiate un pò più di attenzione per i vostri figli ed evitate di abbandonarli in asili nido e ludoteche per troppe ore al giorno.

Tuttavia, ricordiamo che non è facile ne per i grandi che per i piccoli il distacco da asilo e l’inserimento alla scuola dell’infanzia rappresenta sempre un passaggio importante per ogni bimbo verso l’autonomia e la socializzazione. Inoltre segna spesso la sua prima ufficiale separazione dalla famiglia. Ecco tanti consigli ai genitori per vivere bene il cambiamento.

1 Ho fiducia nelle capacità di mio figlio. “Le mamme che affrontano il primo distacco (di bambini che non sono mai andati al nido, ndr) si fanno tantissime domande: il bimbo riuscirà a farsi capire? I suoi bisogni saranno soddisfatti? Sarà in grado di mangiare da solo e andare in bagno? La mia risposta è sicuramente sì!” dice la pedagogista Mariaelena La Banca, coordinatrice delle scuole per l’infanzia Il Girotondo di Roma, scrittrice (molto attiva online tra blog, forum e gruppi di mamme).

4 Evito i paragoni con gli altri bimbi. L’ingresso alla scuola dell’infanzia è un’esperienza nuova e ‘forte’, da un punto di vista emotivo e relazionale per ogni bambino. Ciò significa che può anche generare qualche difficoltà. Occorre, quindi, non dare nulla per scontato ed essere pronti ad affrontare eventuali problemi senza ansia.

Genitori troppo apprensivi creano danni psicologici nei figli

9 Accolgo il pianto come una reazione normale . “Il pianto non è di per sé negativo, anzi, ci dice tante cose… – osserva la psicologa – Che c’è un attaccamento e ora qualcosa è messo in discussione dalla nuova esperienza; certo esprime un disagio. Personalmente diffido dei bimbi camaleontici che si adattano subito e perfettamente a qualsiasi situazione: è normale opporsi un po’ di fronte a una novità.

Loading...

Author: Serena Di Sisto

Share This Post On