Genitori dell’ex premier ai domiciliari. Renzi:’hanno diritto ad un processo rapido’

Si trovano agli arresti domiciliari Tiziano Renzi e Laura Bovoli, i genitori di Matteo Renzi l’ex premier ed ex leader del Pd. Nei confronti dei due coniugi e di una terza persona, viene contestata l’emissione di fatture false e inesistenti. Fra i reati contestati nella misura emessa dal gip di Firenze ed eseguito dalla Guardia di finanza, ci sarebbe anche la bancarotta.

Ad esprimersi dopo gli arresti domiciliari è stato proprio il figlio e vice premier Matteo Renzi, che ha detto in una recentissima intervista: “Tutti i cittadini sono uguali davanti alla Legge. I miei genitori, come tutti, hanno diritto a un processo giusto e spero rapido. Non grido ai complotti: chiedo che i processi si facciano nelle aule dei tribunali e non sul web o nelle redazioni dei giornali”.

Genitori dell'ex premier ai domiciliari. Renzi'hanno diritto a un processo rapido'

Per Renzi: “chi ha letto le carte e ha un minimo di conoscenza giuridica sa che privare persone della libertà personale per una cosa come questa è abnorme. Chi conosce la realtà sa che quelle carte, peraltro, non corrispondono al vero. Ma per questo ci sarà il processo”.

Renzi, però, dice anche che “da uomo delle istituzioni mi fido della giustizia. Questo è un grande Paese e io credo nell’Italia, sempre. Non riusciranno a farmi parlar male dell’Italia, non riusciranno a farmi parlar male dei giudici. Chi vuole il mio fallo di reazione, non lo avrà. Né oggi, né mai”.

Al momento i genitori di Matteo Renzi sono assistiti legalmente dall’avvocato Federico Bagattini che ha dichiarato anche lui alla stampa: “Mai vista una cosa del genere: arresti domiciliari a due persone prossime ai 70 anni per fatti asseritamente commessi al piu tardi nel 2012. Ci riserviamo ogni valutazione sul merito alla lettura completa delle carte”.

Loading...

Author: Serena Di Sisto

Share This Post On