Ecco perchè Facebook ribadisce il suo impegno contro la violenza online

Facebook, il social network ideato lanciato nel 2004 da Mark Zuckerberg ribadisce il suo impegno contro la violenza online per tutelare i suoi utenti.

Justin Osofsky, vicepresidente di Facebook, ha dichiarato che «il social non permette e condanna la diffusione di questo tipo di contenuti». La risposta non è tardata ad arrivare e subito ci si è mossi in direzione di quella che i vertici chiamano “soluzione data dalle intelligenze artificiali”.

LEGGI ANCHE: “Troppo odio su Facebook”: La Boldrini scrive a Zuckerberg

Come dice anche Vocidicittà.it c’è da dire anche che, secondo una campagna di educazione per l’utilizzo degli strumenti di protezione e sicurezza su Facebook condotta da Skuola.net e Osservatorio Nazionale Adolescenza, solo il 26% dei ragazzi segnala spesso i contenuti ritenuti inappropriati richiedendone la rimozione, mentre c’è un 36% che non l’ha mai fatto e un 34% che lo ha fatto una sola volta. Pare quindi che non ci sia per niente l’abitudine a segnalare i contenuti che davvero dovrebbero essere eliminati e forse una certa educazione alla netiquette online potrebbe scoraggiare questi episodi.

Fuga da Facebook, gli utenti postano meno

”Diamo priorita’ alle segnalazioni con serie implicazioni di sicurezza per la nostra comunita’, e “stiamo lavorando per rendere questo processo di revisione ancora piu’ veloce”, ha assicurato Justin Osofsky, vicepresidente di Fb per le operazioni globali. Facebook ha reso noto che Stephens (tuttora ricercato) ha postato tre video: nel primo ha annunciato che voleva uccidere e nessuno lo ha segnalato, nel secondo – scaricato due minuti dopo – ha mostrato l’esecuzione e nel terzo – diffuso live 11 minuti dopo – confessa l’omicidio. Il video con l’uccisione e’ stato segnalato dagli utenti solo circa due ore dopo. Da quel momento sono passati 23 minuti per disattivare l’account dell’aggressore. ”Ma sappiamo che dobbiamo fare meglio”, ha ammesso Osofsky.

Author: Serena Di Sisto

Share This Post On