Dickinson diceva: ‘E’ l’anima che si sceglie il proprio compagno’

“L’anima si sceglie il proprio compagno, poi chiude la porta così che la maggioranza divina non possa più turbarla”. Con queste poche righe la scrittrice tanto amata Emily Dickinson sintetizzo  a pieno la realtà della purezza del vero amore.

‘Chi ama si sceglie con l’anima’. Parole semplici ma di una verità assoluta,  poiché le anime, a prescindere dall’aspetto, dalla ricchezza e dall’attrazione, si scelgono mediante percorsi mentali ben definiti. Ognuno di noi sa di chi ha bisogno e chi è la persona giusta da avere vicino, basterebbe solo dare ascolto a quella vocina che è dentro di noi e che parla prima di noi, prima che qualcosa dentro di noi scatti. L’amore è una cosa semplice ma al tempo stesso una  difficile, questo perché bisogna ascoltare la propria voce interiore, lo stomaco. L’amore si prende d’istinto sono le emozioni che ci fanno dirigere verso di lui.

Tuttavia, capire cos’è l’amore e dove si trova quello vero oggi non è per nulla facile, e spesso molte persone non sanno se continuare o chiudere una relazione, proprio per questo motivo. L’amore vero va sempre accolto. L’amore vero è affetto è stima nei confronti dell’altro, o voglia di vederlo/a felice, di volere solo il meglio. Solo se l’altro/a sta bene allora la persona innamorata è felice. L’amore vive di amore, la dipendenza è solo egoismo, egocentrismo e arroganza. L’amore vero vive di leggerezza, di completa fiducia nell’altro.

Gli scrittori e i poeti di una volta ci hanno lasciato in eredità un patrimonio prezioso, la lettura, scritti e romanzi che spiegano e indirizzano l’uomo saggio.

Dickinson diceva: 'E' l'anima che si sceglie il proprio compagno'

“Se potrò impedire a un cuore di spezzarsi, non avrò vissuto invano. Se allevierò il dolore di una vita o guarirò una pena, o aiuterò un pettirosso caduto a rientrare nel nido, non avrò vissuto invano”.

Ricordiamo che la poetessa statunitense Emily Elizabeth Dickinson, nacque nel 1830 ad Amherst da una famiglia borghese di tradizioni puritane. Gli studi della grande poetessa sappiamo che si sono svolti per lo più come autodidatta, orientata nelle letture anche da un assistente del padre. I Dickinson, inoltre erano conosciuti per il sostegno fornito alle istituzioni scolastiche locali. Il nonno, Samuel Fowler Dickinson, infatti era uno dei fondatori dell’Amherst College, mentre il padre ricopriva la funzione di legale e tesoriere dell’Istituto; inoltre, ricopriva importanti incarichi presso il Tribunale Generale del Massachusetts, il Senato dello Stato e la Camera dei rappresentanti degli Stati Uniti…Per continuare a leggere clicca qui

Author: SDS

Share This Post On