Di Maio: ‘da marzo reddito di cittadinanza altrimenti non voteremo il Def’

Luigi Di Maio si esprime in merito alle prossime manovre che il nuovo Governo intende fare. Ieri il vicepremier ha detto che si sarebbe prodigato per la riuscita del Reddito di cittadinanza, il cavallo di battaglia dei grillini di queste elezioni passate.

“Per me non ha senso parlare solo di deficit. Si deve scommettere sulla crescita e dare risposte ai bisogni dei cittadini. Con l’11% di disoccupazione non possiamo che puntare su investimenti e crescita di qualità”, sottolinea, a quanto si apprende, Luigi Di Maio alla riunione M5S sul Def.

“Quello che stiamo facendo nella legge di Bilancio è fare scelte coraggiose”, ha detto il ministro dello Sviluppo Economico in una recentissima intervista. “Quando non siamo d’accordo discutiamo e ci facciamo un po’ di opposizione tra di noi, visto che l’opposizione non è granché. Alla Lega credo faccia bene stare lontano da Berlusconi perché quando era con Berlusconi stava sotto il 20%”.

“Chi ha distrutto il Paese mettendolo in ginocchio, perdendo completamente la propria credibilità, dovrebbe avere l’umiltà di interrogarsi per capire dove ha fallito. Ci hanno lasciato l’Italia in macerie, un Paese in cui si sono sempre tutelati gli interessi delle lobby e non quelli dei cittadini. Noi lo stiamo rimettendo in piedi”, sottolinea. “Se anziché frequentare le piazze vuote e dedicarsi alla lettura dei giornali andassero di più nelle fabbriche, nelle scuole e tra gli imprenditori allora potrebbero iniziare a capire davvero cosa vogliono gli italiani: un futuro libero dagli intrallazzi dei partiti dove al primo posto viene la loro vita”.

Di Maio: "Bloccare la pubblicità sul gioco d'azzardo"

Di Maio si esprime anche sulle pensioni e ha detto in radio: “Dal primo gennaio i pensionati minimi non dovranno avere meno di 780 euro al mese. Questo governo si differenzierà nel mantenere le promesse. Noi vogliamo fare una manovra che abolisca la povertà con pensione e reddito di cittadinanza, che aiuti le imprese con la flat tax e le sburocratizzazione, e abbia il superamento della Fornero. Tanta roba. Tanti soldi che stiamo quantificare e che credo possano entrare nella prossima legge di bilancio”.

Author: SDS

Share This Post On