L’autore Julio Cortázar disse in uno dei suoi testi: “Eppure nonostante tutto, solo noi, sappiamo essere così lontanamente insieme”….

Questa, è una frase molto significativa per tutti noi in questo momento di solitudine. Esistono situazioni in cui  la lontananza, quella fisica, non può nulla contro il legame mentale che può venirsi a creare tar due persone.

Stare insieme, significa essere connessi, anche a distanza, avere il cuore che batte all’unisono e i pensieri costantemente rivolti all’altro. A volte, per stare uniti, non serve la vicinanza o la tecnologia. Esistono infatti legami capaci di tenere due persone unite anche attraverso il ricordo, il pensiero. Sembra assurdo ma l’alchimia che si crea in una coppia, quella fortemente attaccata, è qualcosa che va al di là delle distanze. Anche l’autore Kahlil Gibran la pensava allo stesso modo di Cortázar e disse che spesso: “Il ricordo non è che un modo d’incontrarsi”…

L’autore disse anche: Quello che molti chiamano amare consiste nello scegliere una donna e sposarla. La scelgono, lo giuro, li ho visti. Come se si potesse scegliere in amore, come se non fosse un fulmine che ti spezza le ossa e ti lascia lungo disteso in mezzo al cortile”…

Julio Cortázar nacque a Ixelles il 26 agosto 1914 e morì a Parigi il 12 febbraio 1984. Cortàzar nel corso della sua esistenza è stato uno scrittore, poeta, critico letterario, saggista e drammaturgo argentino naturalizzato francese, maestro del racconto e del romanzo e scrittore dalla vocazione sperimentale; la sua scrittura è caratterizzata da una forte componente fantastica e a tratti metafisica, sempre aderente però a uno stile estremamente realistico. Stimato da Borges.  Per saperne di più continua a leggere qui