Seleziona una pagina

Come uscire vincitori da una discussione secondo Gandhi? Oggi vi parliamo di un metodo infallibile per riuscire ad avere la meglio in una lite tra coniugi, fidanzati, amici ma anche conoscenti.

Il metodo utilizzato da Gandhi è ancora oggi uno dei più apprezzati, sia per la semplicità ma soprattutto per l’eleganza e il rispetto con cui si attiva. Il giovane avvocato, nel corso della sua vita e delle sue battaglie portò avanti la parola ahimsa, che significa “non nuocere”, e sul principio etico-politico satyagraha  “forza della verità”. Mahatma Gandhi è una figura di riferimento per coppie e conoscenti, per chiunque voglia risolvere ogni forma di conflitto mantenendo la propria integrità e non offendendo l’altro. Per Gandhi l’importante, in una discussione, è saper parlare ed utilizzare delle regole fondamentali, da lui ideate:

Le regole della discussione:

  1. Non essere egoista. “In presenza di orgoglio ed egoismo, non c’è non violenza. …
  2. Abbi solide argomentazioni. …
  3. Allena il corpo. …
  4. Agisci con pazienza. …
  5. Difendi le tue idee con empatia. …
  6. Usa un linguaggio semplice. …
  7. Sii auto sufficiente
  8. Rispetta gli altri.

Il consiglio del saggio è di utilizzare valide argomentazioni e parole semplici. Il conflitto non è sempre un male, anzi, tramite la lite le persone parlano, si conoscono, argomentano e si chiariscono, Il rituale della discussione porta all’armonia e sono avendo discussioni chiare si potrà avere una relazione stabile e ben definita. Conoscere l’altro non è facile ma parlare e chiarire è la strada giusta per aprire la strada ad un rapporto duraturo.

Chi era Gandhi:

Ghandi, grande politico, filosofo e avvocato indiano, nel corso della sua vita si è battuto a lungo per portare la pace nel mondo, con le sue azioni, ha ispirato movimenti di difesa dei diritti civili e personalità quali Martin Luther King, Nelson Mandela e Aung San Suu Kyi.

“Ti devi opporre al mondo intero anche a costo di rimanere solo. Devi fissare il mondo negli occhi, anche se può succedere che il mondo ti guardi con occhi iniettati di sangue. Non temere. Credi in quella piccola cosa dentro di te che risiede nel cuore e dice: abbandona amici, moglie, tutto; ma porta testimonianza a quello per cui sei vissuto e per cui devi morire”…

Queste poche righe dovrebbero far riflettere tutti sulla forza dell’amore. Il litigio, la discussione sono tappe inevitabili nella vita delle persone, soprattutto di quelle che si vogliono molto bene e che spesso passano molto tempo insieme. Tuttavia far male all’altro è come far male a se stessi il più delle volte. Per tale motivo ridurre il conflitto, talvolta è fondamentale per trovare l’armonia con l’altro.

Gandhi 'Tu e io siamo una cosa sola Non posso farti male senza ferirmi'
Gandhi: ‘Tu e io siamo una cosa sola. Non posso farti male senza ferirmi’

“Quando voi discuterete non lasciate che i vostri cuori si allontanino, non dite parole che li possano distanziare di più, perché arriverà un giorno in cui la distanza sarà tanta che non incontreranno mai più la strada per tornare”.

Il conflitto di coppia:

Le coppie, in particolar modo, dovrebbero trarre un importante insegnamento da questa frase e capire come affrontare le discussioni e le divergenze con la persona amata e cercare di capire se si sta vivendo con la persona amata davvero

In amore facciamo lo sbaglio di crederci migliore dell'altro?
In amore facciamo lo sbaglio di crederci migliore dell’altro?

“La vera felicità dell’uomo sta nell’accontentarsi. Chi è insoddisfatto, per quanto possieda, diventa schiavo dei suoi desideri”…

Ricordiamo che Mohandas Karamchand Gandhi, comunemente noto con l’appellativo onorifico di Mahatma, è stato un politico, filosofo e avvocato indiano. Gandhi è stato uno dei pionieri e dei teorici del satyagraha, la resistenza all’oppressione tramite la disobbedienza civile di massa che ha portato l’India all’indipendenza… Continua a leggere qui