Cambiare vita e trovare il lavoro dei sogni. Ecco come fare

Tutti i giovani di oggi sognano di poter cambiare vita e trovare il lavoro dei sogni. Ma come fare? A spiegarlo ci sono i grandi manager che danno qualche consiglio per riuscire a raggiungere buoni risultati nonostante la crisi lavorativa d questi tempi.

Secondo i dati Istat, la disoccupazione è alle stelle e a fronte di 30mila disoccupati giovanili, ci sono altresì 30mila inattivi in più. Per aiutare i giovani inattivi ad avere nuovamente fiducia nel trovare lavoro e a sperare in un futuro, sul sito di Vocidicittà.it ne hanno parlato: Giulio Beronia, Emanuela Formisano, Anna Grind, Simone Petrelli, Manuela Ronghi e Alessia Vincioni hanno realizzato il libro “Job Affair.

LEGGI ANCHE: Le professioni che rendono più felici. Ecco quali sono

«Per tre anni abbiamo girato l’Italia con il progetto HRC Talent Days, un viaggio dedicato all’orientamento dei giovani. Ne abbiamo incontrato oltre 5mila e abbiamo parlato con loro in maniera diretta, provando a fare chiarezza. Questo libro è la versione editoriale di quegli incontri: riteniamo che chi si occupa di risorse umane debba per forza fare qualcosa per i giovani», ha spiegato Giulio Beronia, Managing Director di HRC Millennials, la business unit di HRC Group dedicata alle iniziative di orientamento al lavoro per i giovani. Primo presupposto da cui partire, è essere consapevoli che cercare un’occupazione oggi è diverso rispetto ad anni fa. «Non ti devi aspettare che qualcuno ti chiami, ma rimboccarti le maniche e partire. Il lavoro va cercato attivamente, e la ricerca non può essere lasciata al caso – spiega Beronia –. È fondamentale saper saltellare da un lavoro all’altro, magari alternando occupazioni che ci appassionano ad altre che magari non ci entusiasmano ma sappiamo fare bene. È calcolato che oggi un lavoro, per un giovane, non duri più di 2/3 anni».

Cambiare vita e trovare il lavoro dei sogni. Ecco come fare

Una cosa molto importante è tenere sempre aggiornato il curriculum vitae ed essere presenti sui social, in modo serio. «Cv e profilo LinkedIn devono mostrare coerenza per la tematica del personal branding. I social fanno sempre più parte della nostra vita/immagine, quindi è bene mostrarsi professionali e lasciare la vita privata fuori dal social network professionale. Sicuramente è molto importante curare la propria presenza online, non solo sui social ma anche provando a ‘googolare’ il proprio nome e cognome. In passato mi è capitato di escludere potenziali candidati proprio perché avevo trovato incongruenze su internet», ha suggerito Emiliano Maria Cappuccitti, HR Director Coca-Cola HBC Italia. Uno degli errori più diffusi è quello di non personalizzare il proprio curriculum, ammonisce Beronia. «Il curriculum non è un documento formale, non è l’ennesimo allegato da spedire con una mail. A tutti gli effetti è come una lettera d’amore, perciò va personalizzato in base all’azienda a cui si spedisce. Scriverlo pensando all’interlocutore, inserire parole chiave legate all’azienda e elementi personali, utilizzare l’originalità e l’unicità tipiche di una storia». Tuttavia noi ricordiamo che prima di cominciare a fare programmi, serve prima però fare chiarezza. Sognare qualcosa spesso significa mantenerla nella vaghezza, nutrire un’aspettativa irreale, lontana dalla realtà solo per poterla utilizzare come compensazione delle frustrazioni quotidiane. In sostanza, si sogna di fare un lavoro ma in realtà non lo si vuole davvero.

Author: Serena Di Sisto

Share This Post On