Bollette: 9 italiani su 10 non sanno quanto consumano

Moltissimi italiani non sanno bene quando spendono pagando le bollette di casa. Per l’esattezza si tratta di 9 italiani su 10. Il dato emerge da una ricerca effettuata dal comparatore di offerte online Facile.it, secondo cui soltanto l’11% dei cittadini conosce i propri consumi energetici. L’89% dichiara di non saperne nulla.

L’indagine è stata condotta su un campione di 225 mila e 751 domande di nuova fornitura per le utenze domestiche, raccolte fra il 15 gennaio e il 22 aprile sul portale di confronto dei costi. Dai test è emerso che la regione virtuosa è il Molise dove il 15% dei richiedenti dichiara di conoscere i propri consumi, seguita da Veneto (13,3%) e Trentino Alto Adige (12,8%). In coda la Campania (8,4%), penultima la Sicilia (9,1%) e terzultima la Calabria (9,6%). Fra le città, guidano la classifica Milano (12,95%), Firenze (12,07%) e Genova (12,04%); ultime posizioni per Napoli (7,49%), Torino (9,56%) e Bari (9,75%). Eppure essere coscienti di quanto si consuma è importante per capire quale offerta scegliere, fra le tante (e complicate) che affollano il mercato. I veneti e i molisani però hanno dichiarato di essere anche i più attenti ai costi di bolletta sostenuti per il gas, con percentuali rispettivamente del 10% e del 9,8%. Al terzo posto figura di nuovo l’Emilia Romagna (9,2%), mentre i meno attenti sono gli utenti di Calabria (5,6%), Campania (5,9%) e Sicilia (6,3%). Per fortuna però dal mese di luglio del 2018 i consumatori potranno finalmente scegliere il fornitore della luce e del gas solo sul mercato libero.

Inoltre molte famiglie non sanno che ci sono dei bonus per i costi in bolletta di luce e gas. Sempre Facile.it comunica che l’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni ha chiesto ai gestori di introdurre una sorta di bonus bollette, uno sconto a scalare che, a partire dalla prima bolletta utile, dovrebbe fungere da rimborso per gli aumenti legati al passaggio dalla fatturazione mensile a quella a 28 giorni, o 4 settimane, se preferite.

Bollette: 9 italiani su 10 non sanno quanto consumano

Interessante in questo ambito anche il bonus idrico. Le famiglie con un reddito basso infatti potranno chiedere una agevolazione sulla fattura idrica. Il bonus resta invariato nella maggior parte delle regioni italiane ad eccezione di alcune regioni come il Lazio il Piemonte o Toscana. In genere, i requisiti richiesti per poter ottenere l’accesso all’agevolazione della bolletta idrica sono quelle di avere: La residenza nell’abitazione per cui si chiede il bonus; l’abitazione non deve essere di categoria catastale A1 casa signorile, A/7 villino e A/9 castelli o palazzi di prestigio; il limite di reddito Isee deve rientrare nelle soglie fissate dell’Autorità idrica locale.

Fonte Facile. it

Loading...

Author: Serena Di Sisto

Share This Post On