Bimbi al cellulare. L’80% è a rischio, i pediatri: ‘genitori troppo permissivi’

Sempre più bambini passano troppe ore al giorno davanti a schermi luminosi di tablet e cellulari, e questo, con l’approvazione dei genitori, ignari del pericolo a cui vengono esposti i loro figli. Circa l’80% dei bambini, infatti, utilizza sin dai primi anni di vita il cellulare di mamma e papà correndo grossi rischi.

Abitudine questa sicuramente non positiva per loro. A lanciare l’allarme sono sempre i pediatri e i medici che invitano le famiglie a prestare maggiore attenzione alle abitudini che prendono i loro piccoli.

La Società Italiana di Pediatria Preventiva e Sociale ha affermato che “l’utilizzo dei cellulari si sta trasformando da uso in abuso e gli effetti nocivi per la salute sono sempre più evidenti”. Gli esperti precisano che in questo modo, i bambini, vengono messi a contatto con le onde magnetiche emanante dai telefonini e proprio per questo, continuano a proporre di vietarne l’uso a tutti i bambini al di sotto dei dieci anni. Si tratta di un vero e proprio avvertimento per i genitori italiani che forse sottovalutano i rischi a cui sottopongono continuamente i bambini.

Nonostante il primato degli iper-connessi spetta ancora agli Stati Uniti, dove il 92% dei minori inizia ad usare i dispositivi digitali già nel primo anno di vita e all’età di due anni li utilizza giornalmente, l’Italia sta peggiorando significativamente.

Il documento dei pediatri italiani, pubblicato sulla rivista “Italian Journal of Pediatrics”, è stato presentato recentemente a Roma in occasione del 74esimo Congresso italiano di pediatria e ha mostrato dati significativi che dovrebbero far davvero riflettere. Dai numeri è emerso anche che per i bambini più grandi dei sei anni in su è un problema passare troppe ore davanti allo schermo. Questo crea infatti scarso profitto scolastico, bassi livelli di attenzione e minori relazioni sociali con i coetanei.Inoltre è anche riportato che “l’eccessivo uso degli smartphone a breve distanza può influenzare lo sviluppo di una condizione chiamata ‘esotropia acquisita concomitante’, si tratta di una forma di strabismo”.

Bimbi al cellulare

Gli esperti dicono anche che quando un bambino utilizza per molte ore al giorno il cellulare è esposto a numerosissimi rischi. Infatti, le esposizioni molto intense e prolungate possono superare il meccanismo di termoregolazione portando a morte le cellule con necrosi dei tessuti. E’ stato anche accertato che insieme alle altre dipendenze che affliggono la società, un posto predominante lo ha conquistato la dipendenza da telefonino, “con danni gravissimi sullo sviluppo psichico e sociale”.

Author: SDS

Share This Post On