Seleziona una pagina

All’attenzione delle famiglie proponiamo il bonus familiare ANF per il nucleo familiare. Ma chi può richiederlo? E per quanto tempo. Vediamo insieme le categorie di persone che hanno diritto a chiedere questo bonus a sostegno del reddito.

L’Assegno è una vera e propria forma di sostegno economico erogato dall’INPS per le famiglie dei lavoratori dipendenti, dei titolari delle pensioni e delle prestazioni economiche previdenziali da lavoro dipendente e dei lavoratori assistiti dall’assicurazione contro la tubercolosi. L’assegno al nucleo familiare spetta a: lavoratori dipendenti; lavoratori dipendenti agricoli; lavoratori domestici; lavoratori iscritti alla Gestione Separata; titolari di pensione a carico del Fondo Pensioni Lavoratori Dipendenti, dei fondi speciali ed ex ENPALS; titolari di prestazioni previdenziali; lavoratori in altre situazioni di pagamento diretto.

Per avere diritto al bonus però i nuclei familiari devono essere composti da più persone e il reddito complessivo deve essere inferiore a quello determinato ogni anno dalla legge. L’importo dell’assegno è calcolato in base alla tipologia del nucleo familiare, del numero dei componenti e del reddito complessivo del nucleo. Sono previsti importi e fasce reddituali più favorevoli per situazioni di particolare disagio (ad esempio, nuclei monoparentali o con componenti inabili).

L’importo dell’assegno è pubblicato annualmente dall’INPS in tabelle valide dal 1° luglio di ogni anno, fino al 30 giugno dell’anno seguente (circolare INPS 18 maggio 2017 n.87). Se il richiedente svolge attività lavorativa dipendente, la domanda va presentata al proprio datore di lavoro utilizzando il modello ANF/DIP (Codice SR16). In tal caso, il datore di lavoro deve corrispondere l’assegno per il periodo di lavoro prestato alle proprie dipendenze, anche se la richiesta è stata inoltrata dopo la risoluzione del rapporto, nel termine di prescrizione di cinque anni. Nei casi di inclusione di componenti nel nucleo familiare  o ai fini dell’aumento dei limiti reddituali  è necessario allegare al Mod. ANF/DIP (Codice SR16) l’Autorizzazione ANF precedentemente richiesta all’INPS.

Se il richiedente è addetto ai servizi domestici, operaio agricolo dipendente a tempo determinato, lavoratore iscritto alla gestione separata o ha diritto agli assegni come beneficiario di altre prestazioni previdenziali, la domanda va presentata online all’INPS attraverso il servizio dedicato. Ma i bonus per la famiglia sono tanti e per questo anno sono stati riconfermati anche il bonus bebè, il bonus asilo nido, il bonus tre figli a carico, e altre forme di sostegno al reddito per poter permettere alle famiglie di avere tutti gli aiuti necessari per fronteggiare le emergenze e i periodi di crisi economica come questa che ha colpito ormai l’Italia.