Seleziona una pagina

Secondo le indagini effettuate da un ricercatore inglese, pare che anticipare la sveglia per essere in ufficio presto si traduce in cattivo umore e bassa produttività. Il suggerimento è quello di rivedere gli orari di lavoro nelle aziende.

Secondo il professore, esperto in Neuroscienze, Paul Kelley dell’Università di Oxford, il ritmo circadiano di un inviduo adulto viene completamente modificato per adattarsi agli orari di lavoro.Inoltre, pare che questa abitudine, ripetuta cinque giorni su sette, favorirebbe il cattivo umore e nei soggetti più sensibili e vulnerabili, predisporrebbe a un maggiore rischio di depressione. Insomma, prima delle 10.00 del mattino è davvero controproducente far lavorare una persona.

LEGGI ANCHE: Pausa caffè troppo lunga? Il datore di lavoro può licenziare

Studiosi: Andare a lavoro prima delle dieci è una tortura

Inoltre è importante sapere che tutto questo stress da orario, a lungo andare, potrebbe causare negli anni seri problemi legati alla privazione di un adeguato sonno ristoratore:come ansia, aumento di peso, ipertensione, debolezza del sistema immunitario e patologie mentali, ma anche frustrazione, stress, perdita della memoria e dell’attenzione, minore rendita sul lavoro e maggiore propensione all’uso di alcol e stupefacenti.