Amnesty International: ‘Raddoppiato il numero delle esecuzioni capitali’

Nel corso del 2015 sono state messe a morte più persone che in qualsiasi altro anno dell’ultimo quarto di secolo. Amnesty International lo ha confermato con i dati del rapporto sull’uso della pena capitale nel mondo. I maggiori responsabili di questa impennata delle esecuzioni sono Iran, Pakistan e Arabia Saudita. Nel 2015 sono stati messi a morte almeno 1.634 prigionieri, oltre il doppio rispetto all’anno precedente.

LEGGI ANCHE: La prima causa di morte tra gli under 24 in Italia

LEGGI ANCHE: Usa. Pena di morte, svolta alla Corte Suprema: stop all’iniezione letale?

Il numero dei Paesi in cui sono state eseguite condanne a morte è salito a 25, rispetto ai 22 del 2014. Almeno sei paesi che non avevano eseguito condanne a morte nell’anno precedente lo hanno fatto nel 2015: tra questi vi è il Ciad, dove le esecuzioni sono riprese dopo oltre un decennio.

Author: Serena Di Sisto

Share This Post On