Seleziona una pagina

Amarsi senza incontrarsi, toccarsi e vedersi. Ma ci si può davvero innamorare di una voce?

Cosa sono gli amori nati sul web e perché molti di essi sono destinati a fallire?

Nell’era delle relazioni a distanza e delle lontananze, dovute spesso alle situazioni attuali, oggi ci si chiede se è possibile innamorarsi a distanza senza vedersi e a volte ascoltando solamente il suono di una voce. L’amore è un sentimento particolare, incontrollabile e quando arriva, non si può far altro che lasciarsi trasportare da questo vortice di emozioni e viverle.

Il problema è che l’amore può nascere e finire ovunque, anche sul web difronte uno schermo o dietro una cornetta. Ormai sono molte le persone che soffrono per via della solitudine e della incapacità di riuscire ad instaurare delle relazioni solide e durature. Il fatto di poter avere una opportunità sul web, sulle chat e di poter vivere una  “e-life” è qualcosa che intriga e affascina, soprattutto le anime più sole.

Sono di diverse età le persone che decidono di cercare l’amore sul web. Non esiste più distinzione di età e questo comporta tutta una serie di problematiche. Ma cosa comporta la ricerca di un amore sul web?

Amore reale amore virtuale?

E’ facile conoscersi in maniera virtuale. Tutto diventa più facile e l’imbarazzo dei primi incontri e delle impressioni iniziali svanisce. Chi decide di innamorarsi online o semplicemente si trova impelagato in questa situazione, è una persona generalmente timida e insicura. Il fatto di poter approcciarsi senza dover rischiare di fare una figuraccia o di avere dell’imbarazzo, affascinata i più timorosi o scottati dall’amore.

Innamorarsi di una voce:

Sono molte le situazioni in cui ci si innamora anche solo di una voce. Il fatto di avere qualcuno che chiami, che ascolti, che senta i problemi, attrae. Chi è in cerca di relazioni, spesso si lascia intrigare da questo genere di approcci e spesso, cade nella trappola della vita virtuale, dimenticando, che quella che si reputa una relazione stabile e appagante, poi in realtà è solo una frequentazione passeggera.

La trappola di innamorarsi sul web e di rimanere a bocca asciutta è reale. E ‘ difficile poi riuscire a dividere la vita reale con quella virtuale. a fase dell’innamoramento, difatti non sempre evolve e diventa amore e sul web, la possibilità che questo non accada è molto probabile.

OGGI VI CONSIGLIAMO QUESTO TESTO PER CERCARE DI CAPIRNE DI PIU’ IN FATTO DI RELAZIONI VIRTUALI. LEGGGI “Il piacere digitale”

CLICCA QUI E SCARICA IL TESTO

Gli esperti consigliano di incontrarsi e di cercare di cominciare quello che si era iniziato sul web nella vita reale. Un corpo, una fisicità un approccio fisico, valgono più di mille parole e a lungo andare, l’uomo, un animale sociale, sentirà il bisogno anche della fisicità della persona amata.

Ma quali sono i rischi del web?

Quando ci si approccia con una voce o con una figura digitale, si possono rischiare molteplici situazioni fastidiose e insidiose. Non si sa mai chi è dall’altra parte, non si ha mai del tutto la sensazione di essere al sicuro e di non essere presi in giro. Una persona che chatta online, infatti, potrebbe sparire da un momento all’altro e lasciare una brutta delusione.

E TU NON SEI ANCORA ABBONATO AD AMAZON PRIME?

PROVALO. CLICCA QUI E INIZIA A BENEFICIARE DEL SERVIZIO AMAZON PRIME. VIDEO, LIBRI MUSICA, VELOCITÀ’ E TANTO ALTRO. ISCRIVITI E’ GRATIS

A pensarla diversamente, alcuni studiosi che hanno invece dimostro come oggi sia possibile avere una buona relazione online e innamorarsi sul web, anche solo ascoltando una voce:

Sembrava che fossero solo amori passeggeri e brevi flirt e invece sono loro i nuovi partner ideali e affidabili per la scienza. Le coppie nate sul web sono più stabili e durature di quelle formate in altri modi. Secondo le indagini, pare che gli amori nati sui social siano più solidi.

A dimostrarlo anche una recente ricerca condotta da due professori di Economia dell’Università dell’Essex e dell’Università di Vienna, che ha rilevato come i matrimoni nati da relazioni inizialmente virtuali, oltre a essere in media più duraturi, sono anche più democratici.

Alcuni dati ci dicono che:

La ricerca, che si chiama “The Strenght of Absent Ties: Social Integration via Online Dating” , ha dimostrato come l’amore a clic non sia poi così male. Bene per le piattaforme di incontri online che negli ultimi tempi hanno aumentato i loro clienti.

Dai dati rilevati dai due osservatori è dunque emerso anche che i fidanzamenti più diffusi online sono quelli tra omosessuali, con una percentuale del 70%, mentre le coppie eterosessuali si aggirano intorno al 20%, che è pur sempre una percentuale elevata e comunque in costante crescita.


Anche secondo uno studio effettuato da alcuni studiosi dell’Università di Chicago, è emerso che le coppie nate su Internet sono persino più solide e felici di quelle i cui partner si sono conosciuti offline. 

I ricercatori hanno esaminato i racconti di 19.000 persone sposate tra il 2005 e il 2012, cui è stato chiesto di parlare della propria esperienza di coppia e di esprimere un giudizio sulla qualità del rapporto.

Da ricordare, però, che sia sul web che sia di persona, la capacità e l’opportunità di poter coltivare una relazione sentimentale non è innata e non è sempre facile, infatti una grande quantità di evidenze scientifiche suggeriscono che la capacità di formare una relazione stabile dipende quasi solo esclusivamente da un sentimento forte e puro come l’amore. Però fate attenzione, perché spesso è facile confondere l’amore con la stima, l’affetto o l’attaccamento morboso.

Innamorarsi online. Perché accade così spesso
Innamorarsi online. Perché accade così spesso?

Attenzione alla dipendenza da internet:

Bisogna però fare attenzione e a cercare di non dipendere da internet e dai social. Gli esperti raccomandano sempre di passare un numero di ore ragionevoli dinanzi al computer, soprattutto quando non si è a lavoro.

La vita vera va vissuta all’esterno e la trappola in cui si può cadere è quella di tralasciare le amicizie e gli affetti veri per rincorrere quelli virtuali, non sempre veri come quelli che si possono toccare con mano.