Attualità

Addio al piccolo Gabriel, il papà si tatuò una cicatrice come la sua

Non è riuscito a vincere la sua battaglia il piccolo Gabriel il bambino malato da un pò con una cicatrice sulla testa. Il suo papà un pò di tempo fa si era fatto fare un tatuaggio sulla testa identico alla cicatrice del figlio. Un messaggio di grande amore e speranza, che purtroppo non è servito a salvargli la vita.

Mesi dopo l’intervento, che gli aveva lasciato la brutta cicatrice in testa, il cancro è tornato e Gabe ha smesso di lottare. A dare le triste notizia della scomparsa del figlio di soli 9 anni è lo stesso Josh Marshall, su Facebook: “Gabriel ha aperto le sue ali.

“Lui è il mio eroe, mi ha fatto capire cosa realmente sia la vita e come apprezzare tutto quello che ci dà”. Così Gabriel lascia un vuoto indelebile, proprio come quel tatuaggio nel cuore dei suoi familiari, che insieme a lui stavano combattendo la dura battaglia del bambino con la malattia, un tumore al cervello difficile da mandar via. Josh J-Mash Marshall, di Lawrence, in Kansans (Usa), ha annunciato via Facebook che il suo piccolo Gabriel, Gabe in famiglia, 9 anni, non ha superato l’ultima crisi e “ha aperto le ali”. “Ho il cuore spezzato, – si legge in quelle strazianti righe, – non solo sto perdendo mio figlio, sto perdendo il mio migliore amico”.

La foto che mostrava come il padre volesse essere vicino al figlio con quel tatuaggio era diventata virale lo scorso anno in pochissime ore. Il papà in uan recente intervista aveva spiegato il motivo del suo gesto dicendo: “Non mi piaceva quando mio figlio diceva che sembrava un mostro” con quella cicatrice. “Per me era bellissimo”.

Insomma, una storia struggente che lascia un vuoto dentro tutti ma soprattutto dentro quel padre che aveva cercato di sdrammatizzare quella brutta cicatrice insegnandoli come possano essere solo costruzioni inutili le differenze e gli sguardi dei curiosi. Ha insegnato al figlio che le cicatrici andavano portate con orgoglio poiché erano il simbolo di una battaglia vinta, la stessa che però alla fine il piccolo Gabe ha perso per una brutta ricaduta. Che dire, un male incurabile che si è portato via un bambino piccolo e con tanta gioia di vivere. Gli ultimi post su Facebook di Josh J-Mash Marshall sono strazianti: “Ho il cuore spezzato”.

Adesso il piccolo Gabriel ha aperto le sue ali. Ricordiamo che come Gabe tanti e troppi sono i bambini che sono costretti a soffrire per mali incurabili. Un dolore che diventa insopportabile per qualsiasi genitore. Una sofferenza che si spera cesserà di esistere grazie alle cure effettuate grazie alla ricerca.

notizie

Condividi
Scritto da
notizie

Post recenti

“Se decidi di innamorarti di me” di Sabita Esposto

https://youtu.be/vXjd9KoYdak Se decidi di innamorarti di me, prendi i miei lati oscuri e riempili di…

2 mesi ago

Tienimi per mano, la meravigliosa poesia di Hermann Hesse

https://youtu.be/5brKx9m1E6Q Tienimi per mano di Hermann Hesse sulla bellezza di amare. Hermann Hesse (Calw, 2…

2 mesi ago

“Se tu mi dimentichi” letta da Paolo Rossini

"Se tu mi dimentichi" di Pablo Neruda, letta da Paolo Rossini Poesia di Pablo Neruda,…

3 mesi ago

Giacomo Leopardi, Canto notturno di un pastore errante dell’Asia

Non bastano le parole: incanto, meraviglia, sublime poesia, recitazione incredibile. Potremo più godere di simili…

3 mesi ago

La società ci vuole a tutti i costi in coppia?

La società ci vuole a tutti i costi in coppia? Decidiamo di avere una relazione…

7 mesi ago

Per le donne forti è più difficile trovare l’amore?

Per le donne forti è più difficile trovare l'amore? Stereotipi a parte, perché alcune donne…

8 mesi ago