A Bologna i versi di Lucio Dalla diventano luminarie

Con l’arrivo del mese di dicembre si inizia a respirare la tanto attesa e calda aria natalizia e in tutte le città italiane, gli addobbi e le luci decorano le piazze e i vicoli delle traverse. A Bologna però, per questo anno, si è voluto fare qualcosa di diverso dando anche spazio ad un autore che la città porta nel cuore: Lucio Dalla, dedicando a lui le luminarie  per questo Natale 2018.

In particolare, in via D’Azeglio, la strada nel cuore del centro storico di Bologna, dove viveva proprio Lucio Dalla, è stata decorata con delle luminarie davvero di effetto, con tanto di scritte e canzoni dedicate all’autore bolognese e musiche a tema. A realizzarle, ci ha pensato l’artigiano napoletano Antonio Spiezia. Su ogni luminaria c’è un verso di una delle tante canzoni di Lucio Dalla, da: “L’anno che verrà” a “Caro amico ti scrivo” a tante altre.

Peccato per qualche errore grammaticale che ha distolto per qualche attimo l’attenzione sulle parole e per il significato che avevano per l’autore: per esempio pò con l’accento invece di po’ con l’apostrofo. Fortunatamente la svista è stata subito rimediata nella giornata di ieri mattina.

Insomma, tra polemiche e canti, pare proprio che l’idea sia piaciuta molto ai bolognesi e anche ai turisti, che passeggiando per le strade potranno canticchiare i versi del grande Lucio Dalla, uno dei cantautori italiani più amati di sempre. Ricordiamo che la sua produzione artistica ha attraversato numerose fasi: dalla stagione beat alla sperimentazione ritmica e musicale, fino alla canzone d’autore, arrivando a varcare i confini dell’opera e della musica lirica.

A Bologna i versi di Lucio Dalla diventano luminarie

Nella cinquantennale carriera del cantautore emiliano, numerose sono state le incursioni in altre attività artistiche, come la pittura, la scrittura, la televisione e soprattutto il cinema. Interprete di svariati film (dai musicarelli al cinema d’essai), è stato autore e presentatore di programmi televisivi, nonché scrittore di racconti e di testi a carattere universitario. Infatti, per dieci anni, ha ricoperto il ruolo di docente presso la facoltà di sociologia dell’Università di Urbino Carlo Bo…Per continuare a leggere clicca qui

Author: SDS

Share This Post On